In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Imprenditori da Nordest a Mosca per riallacciare i fili del business

Una cinquantina fra titolari e manager incontreranno il ministro degli esteri russo Lavrov

1 minuto di lettura

Roma, 7 dicembre 2015 - Saranno circa 50 le aziende italiane operative in Russia che parteciperanno mercoledì prossimo a Mosca all’incontro con il ministro degli Esteri Serghei Lavrov, già annunciato dalla portavoce del dicastero Maria Zakharova e che si svolge alla vigilia dell’attesa visita a Roma del capo della diplomazia russa.

All’evento, organizzato dalla Camera di commercio italo-russa, prenderanno parte anche top manager dall’Italia, tra cui l’ad di Pirelli Marco Tronchetti Provera; Gianni Bardazzi vice presidente Maire Tecnimont, Gianpietro Benedetti, ad e presidente di Danieli & C.Officine Meccaniche, Paolo Clerici, titolare del Gruppo Coeclerici; Luigi Scordamaglia, ad di Inalca; Claudio de Eccher, presidente del gruppo Rizzani de Eccher; Giampietro Franchini presidente della Franchini Acciai; Aldo Fumagalli presidente della Candy.

Il formato dell’evento sarà un business lunch presso il World Trade Center, nella City moscovita, che vedrà la presenza anche dell’ambasciatore italiano, Cesare Maria Ragaglini e del presidente della Camera di commercio italo-russa (CCIR) Rosario Alessandrello

"Ci aspettiamo che nel corso dell’incontro previsto avrà luogo uno scambio di opinioni aperto e costruttivo sugli esistenti aspetti problematici dei rapporti economici commerciali bilaterali, nonchè sullo sviluppo di operazioni proficue", aveva detto nei giorni scorso la Zakharova, sottolineando che l’appuntamento "conferma il costante e notevole interesse del business italiano nella continuazione dell’attività sul mercato russo".

Si prevede che verranno sollevati i temi di politica estera che più hanno impatto sul business italiano con Mosca, uno su tutti il tema delle sanzioni e contro-sanzioni legate alla crisi ucraina.

Non è escluso che si parli anche delle opportunità che possono aprirsi per l’Italia dopo il varo da parte del governo russo di misure restrittive contro la Turchia.

"Si tratta di un’occasione importante per discutere di diverse tematiche, tra queste la più urgente per le imprese italiane le opportunità che il mercato russo continua ad offrire anche nell’ambito della nuova strategia di localizzazione adottata dalla Russia", ha dichiarato il presidente di Confindustria Russia Ernesto Ferlenghi.

Hanno aderito all’iniziativa numerose aziende italiane che lavorano con e nella Federazione tra cui: Eni, Ferrero, Campari, Finmeccanica, General Invest, Mapei, Enel, De Cecco, Astaldi e Pavan; saranno presenti anche i rappresentanti di banche come Unicredit, Banca Intesa, Banco Popolare e UBI Banca ed esponenti del business russo come il numero uno di Vnesheconombank (VEB) Vladimir Dmitriev e quello del gruppo statale russo di tecnologia militare ’Rostec’, Serghei Chemezov.

Lavrov, in passato, ha già concesso incontri simili al mondo dell’impresa tedesco e francese.

La Russia parteciperà alla conferenza sulla Libia del 13 dicembre a Roma; Lavrov, come ha annunciato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, sarà nella capitale italiana qualche giorno prima per la conferenza sul Mediterraneo; il suo intervento è atteso per l’11 dicembre.

I commenti dei lettori