Tre veneti nell'elenco dei "Paperoni" d'Italia

A guidare la classifica c'è Leonardo Del Vecchio (Luxottica), al terzo posto i Benetton e al nono Ennio Doris

Udine, 7 dicembre 2015 - Ben tre veneti nell'elenco dei "Paperoni d'Italia".

Lo si evince dalla classifica, pubblicata dal supplemento Affari&Finanza di Repubblica, che riporta i nomi dei primi 15 imprenditori ai vertici di società quotate alla Borsa di Milano.

Una classifica che non vede grandi sorprese rispetto al passato.

Al primo posto c'è Leonardo Del Vecchio (Luxottica), con 20 miliardi di patrimonio, che beneficia sia dell'ottimo trend della "sua azienda" che del fatto di essere azionista di Generali.

Al terzo posto la famiglia Benetton, con 7,2 miliardi.

Un altro veneto è al 9° posto, si tratta di Ennio Doris, Mediolanum,  con 2,3 miliardi di euro.

La lista dei "Paperoni" comprende poi la famiglia Rocca (Tenaris), al 2° posto con 8,9 miliardi; gli Agnelli, con 5,3 miliardi, al 4° posto; i Berlusoni al 5° con 4,12 miliardi; i Garavoglia della Campari con 2,4 miliardi; Giovanni Recordati in ottava posizione con 2,4 miliardi.

L'industriale Alberto Bomnbassei della Brembo è al 10° posto.

I Buzzi della Buzzi Unicem sono dodicesimi con 1,6 miliardi.

Chiudono la classifica Francesco Caltagirone, Diego Della Valle e Simon Salini.