In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Orafo: accordo tra Fiera di Vicenza e Arezzo Fiere

L'intesa punta a potenziare il settore orafo aumentando le occasioni di business e l'internazionalizzazione delle aziende. Gestione coordinata del calendario più un'unica piattaforma fieristica per il settore orafo-gioielliero italiano

1 minuto di lettura

VICENZA. Si rafforza l'alleanza tra Fiera di Vicenza e Arezzo Fiere e Congressi per l'integrazione e lo sviluppo del sistema fieristico italiano nel settore orafo e gioielliero. I due player fieristici hanno siglato un nuovo accordo strategico, con il supporto del ministero dello Sviluppo Economico per valorizzare uno dei comparti più importanti del Made in Italy.

L'intesa punta a potenziare il settore aumentando le occasioni di business per gli operatori e favorendo l'internazionalizzazione delle aziende. Prevede la gestione coordinata del calendario fieristico del comparto per il biennio 2016-2017 e, come obiettivo finale, la creazione di un'unica piattaforma fieristica per il settore orafo-gioielliero italiano.

L'annuncio della partnership è avvenuto il 19 gennaio a Milano, alla presenza di Matteo Marzotto, presidente di Fiera di Vicenza, e Andrea Boldi, presidente di Arezzo Fiere e Congressi. Fiera di Vicenza e Arezzo Fiere e Congressi, attraverso le rispettive Manifestazioni Vicenzaoro e OroArezzo, espressione di due distretti orafi di grande tradizione del nostro Paese.

Un comparto che in Italia conta 9 mila imprese e 32 mila addetti, un fatturato di circa 6,9 miliardi di euro (2014), un export di oltre 6 miliardi e un saldo commerciale positivo di 2,9 miliardi. Per livelli di fatturato, l'oreficeria è la quarta voce dell'intero comparto moda-accessori. Nei primi 9 mesi del 2015 il valore delle esportazioni italiane riferita alla gioielleria preziosa (gioielli in oro, argento e altri metalli preziosi) è cresciuto dell'11% rispetto al medesimo periodo del 2014, sfiorando i 4,2 miliardi di euro. L'accordo rientra nel progetto di potenziamento del sistema fieristico italiano predisposto dal Mise nell'ambito del «Piano straordinario per il Made in Italy» rivolto alle principali filiere produttive.

I commenti dei lettori