Fabrizio Viola è il nuovo amministratore delegato di BpVi

Cooptazione e nomina nel corso del Cda dell'istituto berico conclusosi in serata. Il manager entra anche nel Cda di Veneto Banca

VICENZA - «Abbiamo cooptato e nominato Fabrizio Viola (ex ad di Mps, ndr) amministratore delegato».

Lo ha detto il presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Fabrizio Mion, lasciando il cda dell'istituto berico.

«Speriamo che lo studio interno sulla fusione» con Veneto Banca «sia pronto per metà dicembre anche se forse servirà un pò di tempo per farlo esaminare al nuovo a.d.» ha detto ancora Mion a chi gli chiedeva dettagli sul progetto comune alle due banche venete.

La buonuscita che sarà percepita dall'ex a.d. della Banca Popolare di Vicenza, Francesco Iorio, sarà compresa tra 1 e 1,5 milioni.

Lo indicano fonti finanziarie, precisando che si tratta di una cifra inferiore a quanto previsto dal contratto. Iorio si è dimesso domenica.

Contestualmente il Cda di Veneto Banca, riunitosi sotto la presidenza dell’ingegner Massimo Lanza, ha provveduto alla cooptazione del dottor Fabrizio Viola in sostituzione del dottor Beniamino Anselmi quale consigliere dell’Istituto e alla sua nomina quale Presidente del Comitato Strategico.

«Il dottor Fabrizio Viola, con la Presidenza del Comitato Strategico - fa sapere l'istituto di Montebelluna -, assumerà un ruolo centrale nell’accelerazione del piano di rilancio della Banca, anche in vista della definizione del piano di fusione con Banca Popolare di Vicenza da sottoporre in tempi brevi all'Autorità di Vigilanza e agli azionisti».