Il Gruppo Icm emette due bond

Si tratta di prestiti obbligazionari per un controvalore di 24 milioni di euro con facoltà di incremento di altri 6 milioni, che verranno utilizzati per sostenere la crescita all'estero

VICENZA - In data odierna, ICM S.p.A. ha emesso due prestiti obbligazionari denominati rispettivamente “ICM S.p.A. – 4,6% 2016 – 2023” e “ICM S.p.A. – 4,6% 2016 – 2022”, quotati sul sistema multilaterale di negoziazione gestito da Borsa Italiana, segmento professionale EXTRAMOT PRO, per un controvalore complessivo di entrambi i prestiti di Euro 24 milioni, con facoltà di incremento di ulteriori Euro 6 milioni.

I due prestiti hanno durata rispettivamente sino al 30 giugno 2023 e al 31 dicembre 2022 e prevedono un rimborso amortizing.

L’inizio delle negoziazioni delle obbligazioni sul sistema multilaterale di negoziazione ExtraMOT PRO è già avvenuto.

I due prestiti obbligazionari sono finalizzati a finanziare nuovi investimenti a supporto dello sviluppo del Gruppo principalmente nei mercati internazionali, dove si concentra oltre il 60% del fatturato di ICM.

ICM S.p.A. è attivo prevalentemente nel settore delle costruzioni, in particolare nei grandi lavori di ingegneria civile, industriale e infrastrutturale sia in Italia che all’estero con una consolidata esperienza nelle infrastrutture stradali, ferroviarie, aeroportuali e nelle opere idrauliche.

È inoltre attivo nella realizzazione di grandi complessi di edilizia industriale, direzionale, commerciale e residenziale.

Il Documento di Ammissione dei prestiti obbligazionari – la cui offerta è riservata a investitori professionali ai sensi del Regolamento Intermediari Consob n. 16190/2007 – è disponibile sul sito web della Società all’indirizzo www.gruppoicm.com, sezione investor relations.