In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

La doc Pinot grigio delle Venezie debutterà a Vinitaly

L'annuncio a Montecchio Maggiore dopo la firma dell'atto costitutivo del nuovo Consorzio per la tutela della denominazione di origine controllata

1 minuto di lettura

VENEZIA - Debutterà ufficialmente alla prossima edizione del Vinitaly, che si apre il 9 aprile a Verona, la nuova Doc Pinot grigio "delle Venezie".

Lo ha annunciato l'assessore all'Agricoltura della Regione Veneto Giuseppe Pan, siglando con il collega del Friuli Cristiano Shaurli e il presidente dell'associazione delle imprese Albino Armani, l'atto costitutivo del nuovo Consorzio per la tutela della denominazione di origine controllata, a Montecchio Maggiore (Vicenza).

Con la costituzione del Consorzio volontario di tutela vini Doc "delle Venezie", associazione dei produttori e imbottigliatori trentini, veneti e friulani del Pinot Grigio, a partire dalla vendemmia 2017 le uve Pinot grigio raccolte in Veneto, Friuli e Trentino potranno essere quindi commercializzare unicamente con questa denominazione di origine.

Di fatto il nordest di Italia diverrà il più importante bacino mondiale di Pinot grigio e il prodotto potrà avvalersi della protezione delle Doc storiche e della nuova Doc "delle Venezie".

«Nasce oggi la 28esima Doc del Veneto - ha commentato l'assessore Pan - Un anno fa non credevo di riuscire ad arrivare a questo risultato che porterà interessanti risvolti economici al territorio. Grazie a tutti coloro che si sono impegnati e hanno profuso sforzi, anche i funzionari del ministero. Al Vinitaly presenteremo ufficialmente la nuova Doc che in Veneto conta ben 13.400 ettari, equivalenti al 56% del totale nazionale».

Complessivamente i vigneti della nuova Doc valgono un potenziale produttivo di quasi 2 milioni di ettolitri (260 milioni di bottiglie) distribuito su oltre 24 mila ettari: 13.400 ettari appunto in Veneto, 8.000 in Friuli Venezia Giulia e quasi 3000 nella provincia di Trento.

Il Pinot Grigio è la quarta varietà di uva coltivata in Italia con una crescita negli ultimi cinque anni pari al 144%.

I commenti dei lettori