Hypo Bank, trovato l'accordo per i 36 esuberi

Roberto De Marchi, First Cisl: la difficile trattativa durata oltre 5 mesi assicura ai lavoratori di poter scegliere tra diverse forme di adesione all'accordo, anche usufruendo delle tutele previste dal fondo di solidarietà di settore

UDINE Alla presenza dei Funzionari della Regione Friuli Venezia Giulia,  è stato raggiunto l'accordo per i 36 lavoratori della HYPO Alpe-Adria-Bank S.p.A. di Tavagnacco che verranno licenziati il prossimo 30 giugno.
 
"La difficile trattativa durata oltre 5 mesi assicura ai lavoratori di poter scegliere tra diverse forme di adesione all'accordo, anche usufruendo delle tutele previste dal fondo di solidarietà bilaterale di settore (prepensionamenti o sostegno al reddito in caso di non occupazione)" - riferisce Roberto De Marchi, Segretario Generale FIRST-CISL del Friuli Venezia Giulia.

"Abbiamo assicurato ai colleghi - tutti prevalentemente della provincia di Udine - la possibilità di utilizzare gli strumenti disponibili per gestire al meglio il momento traumatico della perdita del lavoro: garantire un sostegno al reddito ed un percorso di riconversione professionale, stante la difficile possibilità di riassorbimento del settore bancario regionale" - ha dichiarato Pietro Santoro, RSA FIRST-CISL della HYPO Bank.