Il traino di Hera, Danieli ed Electrolux: ecco le imprese sprint del Friuli Venezia Giulia

Ecco le imprese “sprint” riuscite a far crescere contemporaneamente i ricavi e l’Ebitda con tassi superiori alla media

Tra i bilanci delle prime 100 imprese del Nordest spiccano quelli di 10 aziende che nel 2019 sono riuscite a far crescere contemporaneamente i ricavi e l’Ebitda con tassi decisamente superiori alla media. Le imprese “sprint” nel 2019 sono: Bottega Veneta, Costantin spa, Eurocar Italia srl, Hera Trading srl, Industries spa (Moncler), Kering Eyewear spa, Pastificio Rana spa, Porsche Italia spa, Vega Carburanti spa e Volkswagen Group Italia spa.

"Le vie della sostenibilità", l'evento streaming a Udine per raccontare le aziende Top100 del Nordest

In Friuli Venezia Giulia, oltre alla già citata Hera Trading che finisce nel gruppo delle “imprese sprint” altre quattro aziende si segnalano per la capacità di far crescere contemporaneamente ricavi ed Ebitda: Danieli & C. spa capace di interpretare il grande trend della sostenibilità progettando e realizzando impianti per la produzione di acciaio puliti e alimentati da energie rinnovabili, Electrolux Italia spa, un’impresa che ha spinto sulla produzione di elettrodomestici sempre più sostenibili ma anche interconnessi in piena filosofia “Iot” (Internet of things), Zama srl (Friuli intagli) che continua a crescere anche grazie agli investimenti in tecnologia e automazione e Illycaffè spa che beneficia del processo di trasformazione digitale avviato già da qualche anno.

Per partecipare all’evento bisogna registrarsi sulla piattaforma GEDI, fatelo qui

Tornando alle imprese sprint va segnalato che tre di queste appartengono al sistema moda: Kering Eyewear spa continua la crescita avviata già nel 2015 nel settore dell’occhialeria di lusso, crescita che in passato è avvenuta anche grazie all’acquisizione di nuovi marchi, Industries spa (Moncler), già presente tra le imprese sprint dell’edizione precedente, riesce a crescere in tutte le aree geografiche anche grazie a strategie che l’avvicinano in modo originale al mondo del fast fashion e rendendo il proprio modello di business sempre più attento ai temi della sostenibilità ambientale e sociale, chiude il gruppo Bottega Veneta che è tornata a correre al ritmo al quale ci aveva abituato fino a qualche anno fa. L’andamento del comparto non potrà che essere segnato dalla pandemia in atto che ha colpito il settore del retail in maniera pesante. Sarà interessante vedere come e quanto queste imprese sapranno seguire strategie alternative al retail tradizionale che sfruttano il digitale per raggiungere il cliente.

Sempre nell’ambito del “made in Italy” tra le dieci imprese sprint compare il Pastifico Rana e appena fuori dalle prime 10 posizioni Illycaffè (+7,7% i ricavi e +8,2% l’Ebitda). Va sottolineato come il comparto agroindustriale risulti tra i più interessati dalla crisi: il riorientamento delle abitudini dei consumatori verso un maggior consumo di pasti a casa potrebbe favorire ulteriormente le imprese più orientate alla produzione per il consumatore finale. Tre imprese (Volkswagen Group Italia, Porsche Italia e Eurocar) operano nel commercio di autoveicoli, un settore che pur in presenza di un mercato stabile ha vissuto, negli ultimi anni, fenomeni di aggregazione e razionalizzazione importanti, fenomeni simili a quelli vissuti nel comparto dei carburanti (Vega Carburanti e Costantin). Hera Trading continua il percorso di crescita avviato da diversi anni e le partnership da poco annunciate fanno presagire un ulteriore crescita dei valori nei prossimi anni.

Il magazine. Top 100 sarà in edicola  a partire dal 20 novembre ad € 8,90 + il prezzo del quotidiano in abbinata con mattino di Padova, Nuova venezia, Messaggero Veneto, il Piccolo, tribuna di Treviso, Corriere delle Alpi, Alto Adige e Trentino.