A Padova la start up che sfida il Covid e cambia il mondo delle palestre
 

Nasce Next Movement per seguire i corsi direttamente da casa. Una delle ideatrici collabora con l’Università

PADOVA. Nasce a Padova la start up che vuole rivoluzionare il concetto di “andare in palestra”. Next Movement è un servizio in abbonamento che permette di seguire corsi e videolezioni di fitness direttamente da casa, nato dall’idea di due trainer della palestra Koru Vibe di Noventa Padovana, Marta Bellesso e Serena Dalle Palle.

«Durante il lockdown non potevamo più fare allenamento – racconta Dalle Palle – e abbiamo iniziato a seguire online i nostri allievi, coinvolgendo poi diverse persone da tutta Italia. Ci siamo rese conto che per queste persone i nostri corsi rappresentavano un supporto anche psichico, oltre che fisico».

Da qui l’idea di continuare l’esperienza creando una piattaforma in grado di adattarsi alle esigenze di moltissime persone: chi non ha potuto continuare a pagare l’abbonamento in palestra, chi deve badare i figli, chi viaggia molto, o anche chi non si sente ancora sicuro di tornare ad allenarsi a contatto con altre persone. Una piattaforma che naturalmente risulta di estrema utilità in queste settimane di chiusure, ma che rimarrà una valida alternativa ai vincoli di spazio e di tempo delle palestre tradizionali – almeno per chi è abbastanza fortunato da avere in casa uno spazio adeguato all’esercizio fisico. Next Movement è online dalla scorsa settimana; per mettere in piedi il servizio Bellesso e Dalle Palle sono state aiutate dal videomaker Giovanni Caffini, che cura la regia e la produzione dei contenuti multimediali, e dal creative designer Tommaso Pistillo, responsabile della comunicazione.

Per Dalle Palle, che collabora anche con il corso di laurea triennale in Scienze motorie dell’Università di Padova, Next Movement rappresenta una nuova maniera di pensare l’attività fisica: «Il lockdown ha cambiato l’approccio al mondo del fitness.

Prima nessuno si sarebbe collegato online per seguire un corso. Ora invece si può immaginare un approccio diverso, più vicino a chi ha bisogno di maggiore flessibilità. Vogliamo creare una vera e propria community, e in futuro provare anche a fare delle lezioni in diretta streaming. Vorrei coinvolgere anche i ragazzi a cui insegno in Università in questa nuova forma di attività fisica che stiamo creando».

La Camera di commercio di Padova ha riconosciuto il progetto come start up innovativa, ma l’ambizione delle trainer di Noventa va oltre il semplice business: «Vogliamo educare le persone a uno stile di vita che passi dall’attività fisica come prima fonte di benessere», spiegano.

«Vogliamo che il benessere fisico sia accessibile a chiunque, anche a chi non si è mai avvicinato all’attività fisica per motivi economici o per insicurezze personali. Le lezioni permettono a chiunque di allenarsi nelle condizioni migliore abbandonando ogni sensazione di disagio». Sulla piattaforma sono disponibili lezioni adatte sia a neofiti che ad esperti. —