All’aeroporto di Venezia operativo il servizio tamponi rapidi in modalità drive-in

Passeggeri di ritorno in fila per i test rapidi all'aeroporto di Venezia

Attivo il servizio a pagamento che effettua i tamponi rapidi antigenici, dalle 8 alle 20 con la sola tessera sanitaria. Lo stesso servizio è già operativo al Catullo di Verona e sarà attivato a breve anche all’aeroporto di Treviso

Dalla mattinata odierna all’aeroporto di Venezia è attivo il servizio tamponi rapidi antigenici Covid-19, in modalità drive-in presso il parcheggio P4, destinato a tutta la popolazione, compresi i viaggiatori che raggiungano il punto tamponi in automobile.

Il servizio è svolto dal personale sanitario di SET, Servizi Emergenza Territoriale, che effettua i tamponi rapidi, il cui risultato viene comunicato in 30/40 minuti, consegnato sul posto oppure scaricabile via internet.

Il servizio è operativo dalle ore 8.00 alle 20.00. La sosta nel parcheggio dello scalo per le operazioni relative ai tamponi è gratuita, con un limite massimo di due ore.

Non è necessaria la prenotazione o la prescrizione del medico. Si raccomanda di portare con sé la propria tessera sanitaria al fine di velocizzare le operazioni di accettazione.

Il tampone rapido si effettua ai bambini di tutte le età (anche neonati), previa valutazione del personale sanitario. Il costo per tampone è di 50 euro, pagabili sul posto preferibilmente con carte di credito/debito.

Per ulteriori informazioni, contattare il personale sanitario di SET all’indirizzo email info@setemergenza.com . Il servizio non sarà operativo il 1^ gennaio 2021. Si consiglia di consultare il sito www.veneziaairport.it per eventuali aggiornamenti.

Con il nuovo servizio effettuato da SET, che si aggiunge a quello realizzato dall’Ulss per i passeggeri in arrivo, l’aeroporto di Venezia mette a disposizione di tutta la popolazione i suoi spazi, dando un importante contributo all’ampliamento della rete di accesso ai test rapidi”.  - dichiara Enrico Marchi, Presidente del Gruppo SAVE – “Sin dall’inizio della pandemia, il Gruppo SAVE si è attivato, in coordinamento con gli enti aeroportuali e le autorità sanitarie, per facilitare i passeggeri in un contesto normativo in continua trasformazione, con l’auspicio di poter presto tornare alla normalità incoraggiati anche dall’avvio della distribuzione del vaccino. Lo stesso servizio in modalità drive-in è tra l’altro già operativo al Catullo di Verona e sarà attivato a breve anche all’aeroporto di Treviso”.