Grandi Navi, Galietti (Clia): “Riparte la stagione a Venezia dopo 17 mesi, la crociera Msc è il segno della ripresa del turismo in Adriatico”

L’altra metà del cielo, le compagnie, i rimorchiatori, gli ormeggiatori, tutti gli operatori del Porto  festeggiano il ritorno delle navi a Venezia. “Un giorno importante e di speranza per 4 mila lavoratori dopo 17 mesi di stop”

VENEZIA. Il gigante del mare alle spalle, la prima prua che solca le acque della Laguna di Venezia dopo 17 mesi di stop. Mesi in cui nessuna nave da crociera è stata ormeggiata, neppure al largo in disarmo freddo, come avvenuto in molti altri porti italiani. E’ l’altro pezzo di Venezia, fatto di imprenditori, ormeggiatori, rimorchiatori e di circa 4 mila lavoratori, che le navi, rispettando le regole, la bellezza, la fragilità di una città unica al mondo, le vogliono. 

Venezia, all'alba il ritorno delle grandi navi in bacino San Marco

“Finalmente, la prima prua che rientra in Marittima dopo 17 mesi, è un giorno importante per noi e per le oltre 4 mila lavoratori di questo mondo e per tutto l’indotto. Oggi si riparte in sicurezza non solo rispettando il protocollo del Cts ma con un protocollo ancora più stringente elaborato dalla compagnia”. Dice Alessandro Santi Presidente Federlogistica (nazionale) e Associazione Port Community.

 "La giornata di oggi segna il ritorno delle navi da crociera a Venezia dopo una pausa di 17 mesi imposta dalla pandemia: si tratta di una ripartenza, tanto simbolica quanto concreta, delle attività legate al turismo a Venezia e nell'Adriatico, con importanti ricadute positive per le comunità locali e l'economia regionale".

Le Grandi Navi tornano a Venezia, parlano gli operatori della crocieristica: "Un giorno importante per 4mila lavoratori"

Gli fa eco Francesco Galietti, Direttore Cruise Lines International Association (Clia) Italia, l’associazione che unisce le compagnie, commentando la partenza dalla città lagunare della prima nave da crociera, la Msc Orchestra. "Fin dal 2012 Clia ha chiesto costantemente alle autorità locali e al Governo italiano soluzioni sostenibili per l'accesso delle navi a Venezia e alla laguna - ricorda - . Da anni lavoriamo intensamente per alleviare il traffico di navi nel Canale della Giudecca".

Per questa ragione viene accolta "con favore la recente decisione del Governo, in linea con quanto sempre sostenuto, ossia la decongestione del traffico a Venezia e lo spostamento delle grandi navi dal Canale della Giudecca - conclude Galietti -. Non possiamo che augurarci quanto prima sviluppi concreti". 

Grandi Navi, la Msc Orchestra esce dalla Laguna scortata dai rimorchiatori

Il popolo dei "Sì navi" si è riunito nella Stazione Marittima di Venezia e poi anche a San Zaccaria per sostenere il passaggio di Msc Orchestra, la prima nave che tornerà a salpare dalla città lagunare. Un giorno di festa, come ha sottolineato ancora Santi, per i lavoratori e un indotto che comprende 92mila occupati per 21 miliardi di euro. Tutto sarà fatto in sicurezza: "i passeggeri sono in una bolla blu, vengono testati prima della partenza e dopo, viaggiano in una struttura totalmente sanificata, un fattore di sicurezza anche per Venezia. In città oggi ci sono circa 50mila persone - ha ricordato - i passeggeri che si imbarcano sono mille, una percentuale limitata". Il presidente Santi ha precisato parlando della manifestazione dei Sì Navi: "partiremo festeggiando la nave e ci affiancheremo con le nostre navi da lavoro nel transito del cuore della città. Un bacino da cui togliere le navi, su questo siamo d'accordo, non c'è contrapposizione, siamo per far vivere questa città in maniera sana, viva e sostenibile". Marco Gorin, uno dei 43 soci degli ormeggiatori, ha continuato: "questa nave ci dà tanta speranza e fiducia, è stato un anno duro dal punto di vista lavorativo, ma di più dal punto di vista psicologico". Infine Davide Calderan, che rappresenta i rimorchiatori, ha concluso: "per noi la Marittima è il 30% del nostro lavoro, già da questa settimana abbiamo cominciato a riassumere stagionali per far ripartire il lavoro, cioè la vita".