La pandemia fa slittare anche “Anteprima Amarone”: appuntamento a giugno

Il Consorzio tutela vini della Valpolicella ha deciso di rinviare dai primi giorni di febbraio a giugno per consentire l’adeguato svolgimento in presenza della kermesse in programma a Verona 

VERONA. L’aumento esponenziale dei contagi da Covid 19 registrato nei primi giorni del 2022 sta provocando un terremoto nella programmazione fieristica. Dopo il rinvio al 2023 di Hit Show, la manifestazione dedicata alla caccia, al tiro sportivo e outdoor, prevista dal 12 al 14 febbraio nel quartiere fieristico di Vicenza, tocca ad “Anteprima Amarone” cambiare data.

In questo caso lo slittamento è più contenuto: non di un anno, ma di qualche mese. Anziché andare in scena il 4 e 5 febbraio 2022, la kermesse in programma alla  Verona è stata spostata al mese di giugno, una decisione  presa all'unanimità dal Consorzio tutela vini Valpolicella per garantire un adeguato svolgimento della manifestazione con la presenza di esperti e stakeholder di livello internazionale.

Le nuove date dell'evento scaligero saranno comunicate a breve, mentre rimane confermato il programma originariamente previsto a cui si aggiungeranno eventi speciali dedicati al vino «re» della Valpolicella.

«Vogliamo tornare in presenza e vogliamo farlo nel migliore dei modi - ha detto il presidente del Consorzio Christian Marchesini -. lo dobbiamo ai nostri produttori e a una denominazione che nel 2021 ha registrato una stagione importante sul fronte delle vendite. Per questo, a febbraio, assieme a Nomisma Wine-Monitor, presenteremo un focus di mercato sulle performance di Amarone, Ripasso e Valpolicella in Italia e nel mondo».

maura.dellecase@gnn.it