A2a esce da Ascopiave, i lombardi si ritirano dal Nordest

Offerta in opzione ai propri azionisti per 5.334.329 pari 2,276% del capitale. Una quota risultante dal recesso degli azionisti in seguito ad una modifica dello Statuto

TREVISO. Ascopiave ha depositato un'offerta in opzione ai propri azionisti per 5.334.329 pari 2,276% del capitale. Una quota risultante dal recesso degli azionisti in seguito ad una modifica dello Statuto.  Il controvalore complessivo delle azioni offerte in opzioni ai soci è pari a 20,83 milioni di euro. Da quel che risulta ad esercitare il recesso sarebbero stata proprio A2a, che teneva ancora il 2,16% del capitale, ed altri piccoli soci.

Il gruppo lombardo aveva venduto in precedenza il 2% al gruppo Hera, rafforzando l'asse tra la multiutility di Pieve di Soligo con gli emiliani. Inoltre, dopo aver visto sfumare l'operazione con Aim Vicenza e Agsm Verona (almeno per il momento) l'avventura a Nordest pare per ora terminata.