Banca Ifis rielva 553 milioni di Npl da Intesa Sanpaolo

Katia Mariotti: "Grazie a questa nuova e importante operazione, Banca Ifis raggiunge i 2,2 miliardi di euro in termini di acquisti complessivi di crediti non performing da inizio anno"

VENEZIA - Banca Ifis ha acquistato dal gruppo Intesa Sanpaolo crediti deteriorati unsecured per complessivi 553 milioni di euro di valore nominale.

Il portafoglio è composto da circa 65.000 crediti vantati verso debitori appartenenti al segmento consumer e, nello specifico, derivanti prevalentemente da contratti di prestito personale (90%), prestito auto e prestito finalizzato (10%).

Al 30 ottobre scorso il portafoglio di proprietà del gruppo Banca Ifis ammonta a 19,1 miliardi di euro di valore nominale a cui si aggiungono 4,5 miliardi in gestione conto terzi per un totale complessivo di 23,6 miliardi di valore nominale.

«Grazie a questa nuova e importante operazione, Banca Ifis raggiunge i 2,2 miliardi di euro in termini di acquisti complessivi di crediti non performing da inizio anno, confermandosi partner strategico del sistema bancario italiano. I crediti deteriorati acquistati in questi mesi pongono solide basi per la redditività presente e futura del nostro gruppo», ha detto Katia Mariotti, responsabile direzione centrale Npl di Banca Ifis, sottolineando che «i risultati dell'attività di recupero, nonostante il complesso contesto di mercato, si confermano a oggi sostanzialmente in linea con il 2019. Stiamo attualmente partecipando ad altri processi di vendita e siamo fiduciosi sul fine anno».