Sparkasse, nuovo piano industriale si punta su digitale e investimenti in start up

La banca punta a consolidare la propria solidità patrimoniale, ma guarda anche al futuro: presto verrà lanciata la prima filiale virtuale per dialogare con gli operatori da remoto

BOLZANO. Dopo l’approvazione del bilancio 2020 che ha certificato un utile netto di 30,3 milioni di euro, il CdA diCarispa (Cassa di Risparmio-Sparkasse) ha dato il via libera al nuovo piano industriale triennale 2021-2023.

Un piano che punterà al consolidamento del fruttuoso percorso di crescita attuato dalla banca, da ormai sei anni a questa parte, e che si traducerà nel miglioramento della solidità patrimoniale, della redditività - che salirà dal 4% del 2020 al 5% del 2023 -, e dell'efficientamento della macchina operativa.

Grande novità sarà quella che vuole la creazione di una vera e propria banca virtuale che permetterà ai clienti di dialogare da remoto con gli operatori. Un piano che unisce coraggio e prudenza: “Siamo orgogliosi di aver approvato il nuovo piano, che ci permetterà di dare continuità alla nostra crescita. Siamo consapevoli che il futuro della banca passa attraverso la ricerca del migliore equilibrio possibile tra il mantenimento di un ruolo tradizionale ed il perseguimento di una necessità di modernizzazione”, ha puntualizzato il presidente, Gerhard Brandstätter.

Il piano industriale 2021-23

Il documento di sviluppo tiene ovviamente conto di quello che è un periodo storico alquanto particolare. La pandemia ha costretto banca e risparmiatori a rivedere le proprie strategie economiche e approcci commerciali, anche in previsione di una futura ripresa del Pil.

Ma è proprio questo piano che traccerà la strada verso l’uscita del tunnel, puntando sul mantenimento dell’indipendenza della banca, oltre al posizionamento in una fascia d’elitè per quanto riguarda le tematiche della sostenibilità e innovazione. Il tutto mantenendo sotto controllo i rischi e salvaguardando il bilancio.

Nello specifico, il piano si divide in tre aree d’azione: la definizione di nuove leve aggiuntive per la crescita, la valorizzazione delle persone e la vicinanza al territorio. In totale sono previste nove iniziative che porteranno al raggiungimento di tali obiettivi, tra le quali anche il potenziamento del servizio offerto alla clientela e il rafforzamento della consulenza finanziaria alle imprese grazie all'international desk, oltre che ad una gestione proattiva del credito attraverso un ulteriore miglioramento della capacità di controllo e prevenzione del rischio.

Non manca il lato tech. Sparkasse ha inoltre annunciato lo sviluppo di una filiale online, la prima piattaforma della banca in cui verranno presentati prodotti d’investimento e servizi bancari da remoto. A dimostrazione di come il piede sia sul pedale del potenziamento dei canali digitali. Il tutto avverrà però nel contesto di una valorizzazione a 360 gradi delle filiali, dato che il gruppo creditizio ne aprirà di nuove in aree strategiche come Bologna, entro il 2021, e nel Veneto.

Solidità patrimoniale della banca

Sparkasse è riuscita nell’ultimo anno a reggere bene l’urto della pandemia, dimostrando lungimiranza e preparazione anche per le sfide più difficili. Ora, la banca, vuole aumentare la solidità patrimoniale. Ciò vuol dire puntare sul wealth management per portare il Cet1 ratio al 15,8% (+3% rispetto al 2020) e realizzare una crescita dei volumi del risparmio gestito e della raccolta assicurativa, mirando ad un incremento del 29%.

“Puntiamo ad essere una banca che investe a medio lungo termine sulla crescita sostenibile e che vuole consolidare il proprio ruolo di banca moderna ed attenta ai nuovi trend di mercato. Detto con termini ancora più semplici: una banca che vuole continuare a dialogare con i propri clienti e rinforzare le relazioni offrendo servizi finanziari ed assicurativi in modo trasparente per avere sempre di più clienti soddisfatti. Una banca che investe sulle proprie persone per offrire soluzioni alle esigenze finanziarie dei clienti coniugando la relazione umana con l’esigenza di innovazione”, conclude Nicola Calabrò, amministratore delegato Sparkasse.

Un occhio verso le startup

Sparkasse ha deciso infine di ampliare il suo pacchetto consulenze e finanziamenti anche al mondo delle startupinnovative. Specie in Alto Adige, l’ecosistema dell’innovazione cresce ad alto ritmo ed è per questo necessario supportarne la crescita. L’iniziativa si chiama “Start&Go” e si tratta di un servizio di consulenza dedicata e qualificata e una serie di soluzioni di finanziamento a condizioni agevolate. Gli importi possono arrivare fino a 250.000 euro, fornendo un vero e proprio boost alle finanze delle startup. Azioni che portano benefici a tutto il tessuto imprenditoriale locale.