Banca Della Marca, l’assemblea approva il bilancio 2020: l’utile supera i dieci milioni

Via libera dai soci anche al rinnovo delle cariche sociali. Il presidente Sonego: «Nei prossimi mesi pronti a garantire misure straordinarie di sostegno al territorio»

ORSAGO. L’assemblea ordinaria dei soci di Banca della Marca Credito Cooperativo ha approvato quest’oggi a larghissima maggioranza, oltre il 98% e soli 3 astenuti, il bilancio d’esercizio 2020. Non potendo essere convocata fisicamente, all’assemblea i soci hanno dato il loro voto tramite il conferimento di delega e relative istruzioni al rappresentante designato, il notaio Salvatore Costantino.

«È un dispiacere non poter condividere, per il secondo anno consecutivo, questo momento fondamentale della vita della Banca insieme ai Soci - esordisce Loris Sonego, presidente di Banca della Marca – Abbiamo chiuso un anno di particolare difficoltà con un bilancio ampiamente positivo, i principali indicatori in crescita, un utile superiore ai 10 milioni di euro e un patrimonio netto contabile pari a 217,8 milioni di euro, in crescita del 5% rispetto al 2019: sono risultati importanti per l’istituto, perché ne dimostrano la solidità e garantiscono la capacità di continuare a erogare credito in un momento delicato dal punto di vista economico e sociale».

«Il 2020 ci ha visto particolarmente impegnati sul fronte del sostegno al territorio - prosegue Sonego – Fin dalle prime battute dell’emergenza sanitaria, in anticipo rispetto alle normative statali sulle moratorie, ci siamo adoperati per sospendere il pagamento di mutui e finanziamenti a imprese e famiglie in difficoltà: nei dodici mesi abbiamo accolto quasi 3500 richieste, il 98% delle domande pervenute, e concesso la sospensiva sulle rate in scadenza per 384 milioni di euro. Anche a livello sociale, nonostante l’annullamento di tantissime manifestazioni, abbiamo garantito il nostro sostegno alle associazioni con contributi per circa 650mila euro».

L’assemblea ha inoltre deliberato la destinazione del risultato d’esercizio: 10,7 milioni di euro ripartiti per 9,8 milioni alla riserva legale, 300mila euro ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione (pari al 3% degli utili netti annuali), 400mila euro ai fini di beneficenza e mutualità, 200mila euro alla riserva acquisto azioni proprie.  Infine, sono state rinnovate le cariche di quattro componenti del Consiglio di Amministrazione in scadenza: Antonio Bonotto, Michele Dufour, Andrea Miotto e lo stesso presidente Loris Sonego. «Ci siamo ricandidati per dare un segnale di continuità e completare un ciclo, il mandato sarà di un solo anno – precisa Sonego – Nell’Assemblea del 2022, come previsto dallo Statuto votato nel 2017, in tutte le Bcc del Gruppo Iccrea verrà rinnovato per la prima volta l’intero Consiglio di Amministrazione, che in Banca della Marca sarà ridotto da 11 a 9 componenti».

«Sicuramente nel 2021 dovremo continuare a fare i conti con una crisi, che al momento non ha ancora mostrato le sue reali dimensioni – conclude Sonego – Tuttavia siamo fiduciosi: abbiamo lavorato sulla solidità patrimoniale e sulla qualità del credito, riducendo la percentuale di incidenza dei crediti deteriorati e migliorando il livello di copertura complessiva. Siamo pronti, pertanto, a fronteggiare i prossimi mesi e a garantire, se necessario, misure straordinarie di sostegno ai nostri clienti. Siamo una banca del territorio e, come tale, è nostra primaria responsabilità tutelare il benessere economico e sociale della comunità».

La scheda

Banca della Marca Credito Cooperativo è per dimensioni tra le prime BCC del Gruppo Bancario Iccrea. Con 125 anni di storia, rappresenta una banca moderna dal cuore antico, che persegue una politica di sviluppo a marcata vocazione locale attraverso attività economiche che supportino il tessuto imprenditoriale, sociale e culturale del Triveneto. L’istituto conta una base di 8900 soci ed è presente nelle province di Treviso, Venezia e Pordenone in 48 filiali in cui sono impiegate 389 persone. Grazie ad un dialogo continuo con la comunità, ad una grande conoscenza del territorio e delle sue esigenze e ad una professionalità che privilegia il rapporto umano e solidale, Banca della Marca è in grado di soddisfare, attraverso un ampio pacchetto di prodotti, anche innovativi, le richieste dei clienti privati, imprese o enti pubblici/associazioni.