Azimut e Fondo agroalimentare acquistano la maggioranza della trevigiana Albert

Il gruppo, fondato nel 1981 dalla famiglia Libralato, con sede e stabilimento a Scandolara di Zero Branco (Treviso), è tra i più conosciuti produttori al mondo di ingredienti per la produzione di gelato artigianale e prodotti di pasticceria con particolare attenzione alle basi liquide omogeneizzate ed alle puree di frutta in asettico. L’azienda serve circa 850 clienti, tra gelaterie, pasticcerie e distributori, con una forte presenza estera (quasi l'80% delle vendite)

TREVISO. Il Fondo Agroalimentare Italiano I (Fai) e Azimut Libera Impresa (Ali), per conto del fondo di Private Equity Az Eltif Ophelia, hanno siglato un accordo vincolante per l'acquisto di una quota di maggioranza del gruppo Albert, storico produttore italiano di semilavorati e prodotti finiti per gelaterie e pasticcerie.

Lo rende noto un comunicato degli acquirenti, nel quale si ricorda che il gruppo Albert, fondato nel 1981 dalla famiglia Libralato, con sede e stabilimento a Scandolara di Zero Branco (Treviso), è tra i più conosciuti produttori al mondo di ingredienti per la produzione di gelato artigianale e prodotti di pasticceria con particolare attenzione alle basi liquide omogeneizzate ed alle puree di frutta in asettico. Il gruppo serve circa 850 clienti, tra gelaterie, pasticcerie e distributori, con una forte presenza estera (quasi l'80% delle vendite), soprattutto in Germania.

Le linee strategiche di crescita prevedono il rafforzamento della presenza sul mercato italiano e il proseguimento dell'espansione internazionale, sia tramite crescita organica sia esterna con l'acquisizione di società strategiche.

A seguito dell'operazione, il nuovo assetto societario vedrà Fai ed Ali detenere il controllo del gruppo Albert al fianco del socio imprenditore Enrico Libralato che, ricevendo piena fiducia dai nuovi azionisti, ricoprirà il ruolo di amministratore delegato.