Banco Bpm: il premio aziendale ai dipendenti sale del 30 per cento a 1.250 euro

Sono questi i tratti distintivi dell'intesa firmata questa notte tra Fabi e le altre organizzazioni sindacali con BancoBpm, secondo quanto riporta una nota della stessa Fabi. Con l'accordo, viene anche prorogata a tutto il 2022 la possibilità, per tutti i dipendenti, di fruire di giornate di astensione volontaria, parzialmente retribuita, a fronte di necessità personali

VERONA. Premio aziendale di 1.250 euro, tra cash e welfare, per tutti i dipendenti di BancoBpm, ma anche normazione e inquadramento delle nuove figure professionali e salvaguardia di quelle già in essere.

Sono questi i tratti distintivi dell'intesa firmata questa notte tra Fabi e le altre organizzazioni sindacali con BancoBpm, secondo quanto riporta una nota della stessa Fabi. Con l'accordo, viene anche prorogata a tutto il 2022 la possibilità, per tutti i dipendenti, di fruire di giornate di astensione volontaria, parzialmente retribuita, a fronte di necessità personali, così come sono prorogati i trattamenti a favore dei lavoratori ex SGS.

Rinnovate le polizze in caso di morte e invalidità per i dipendenti iscritti al Fondo pensione ex Banco Popolare e sottoscritto il nuovo accordo relativo alla formazione finanziata.

"È stata una trattativa lunga e difficile nella quale ci siamo molto impegnati per garantire ai colleghi il giusto riconoscimento per l'impegno profuso in un anno particolarmente difficile. Siamo soddisfatti per quanto ottenuto e riteniamo che l'incremento di oltre il 30% rispetto al premio aziendale dello scorso anno sia un ottimo risultato. Con l'importante pacchetto di accordi siamo riusciti a tutelare le colleghe ed i colleghi nel migliore dei modi. Confidiamo la firma di questi accordi possa aprire una nuova stagione di relazioni sindacali proficue e costruttive dopo mesi di difficoltà e tensioni", ha commentato il coordinatore Fabi in BancoBpm, Paolo Fontana.