Sfida su Generali alla stretta finale Caltagirone: lista“lunga” per il cda

Quasi completo l’elenco del top management che verrà proposto dal consiglio. Andrea Sironi, attuale presidente di Borsa Italiana Sironi, è il candidato alla presidenza al posto di Gabriele Galateri che, come annunciato, lascia dopo undici anni a Trieste.

TRIESTE. La sfida sulle Generali entra nel vivo. É in dirittura d'arrivo la lista del cda triestino in vista dell'assemblea del 29 aprile. Per la presentazione della lista del cda del Leone (sarà a 13 con un massimo di 15 consiglieri) la prossima finestra utile sarà il board del 14 marzo già convocato per i conti 2021. Quasi completo l’elenco del top management che verrà proposto dal consiglio.

Andrea Sironi, attuale presidente di Borsa Italiana Sironi, è il candidato alla presidenza al posto di Gabriele Galateri che, come annunciato, lascia dopo undici anni a Trieste. Fra i nomi confermati rispetto all’ultimo cda, oltre al Ceo Philippe Donnet, ci sono Clemente Rebecchini, Antonella Mei-Pochtler, Lorenzo Pelliccioli e Diva Moriani.

Fra i nuovi invece - cooptati insieme a Sironi - figureranno Alessia Falsarone, super-esperta di investimenti sostenibili a New York, e un importante giurista come Luisa Torchia.

Sull’altro fronte Caltagirone si prepara a sfidare il board uscente con una propria lista che potrebbe rendere nota subito dopo quella del cda triestino. Sarà una lista «lunga» per tentare di conquistare la maggioranza in sede assembleare.

La conferma è arrivata con una nota della VM 2006 srl, società del Gruppo Caltagirone, che presenterà «nei termini e nelle forme di legge, una lista di candidati in vista del rinnovo del cda della compagnia».

«La lista -si spiega ancora- sarà inclusiva di candidati alla carica di presidente e di ad di adeguato standing e di un numero di consiglieri muniti di tutti i requisiti di legge, idoneo a coprire tutte le posizioni del board».

Rumors sempre più insistenti indicano come possibile candidato alla presidenza il banchiere Claudio Costamagna, ex Goldman Sachs e già presidente della Cassa Depositi e Prestiti. Costamagna è presidente della spac assicurativa Revo.

Fra i più accreditati a sfidare di Sironi ci sarebbe anche Maria Patrizia Grieco, presidente di Mps, che sarebbe la prima donna presidente del gruppo triestino. Fra i nomi circolati per la presidenza anche quello di Sergio Balbinot, già ministro degli Esteri del Leone e oggi top manager di Allianz il cui mandato scadrà a fine anno.

Quanto alla carica di ceo, fra i possibili amministratori delegati si fanno i nomi di Diego De Giorgi, già a capo dell’investment banking globale di Bank of America-Merrill Lynch, e Marco Alverà, ad di Snam in scadenza.

Intanto nella partita per i vertici delle Generali, entro il 2 aprile, dovrebbe anche entrare la lista di minoranza Assogestioni che dovrebbe svelare i propri candidati. In assemblea i soci potrebbero dover scegliere fra tre differenti liste. 

p.fiumano@gnn.it