Generali, sciolto il nodo sul successore di Francesco Gaetano Caltagirone: nel board entra Stefano Marsaglia

Fumata bianca in consiglio di amministrazione del Leone sul nome dell’amministratore che andrà a sostituire nel board il costruttore romano. Il cda di Generali ha nominato Marsaglia a maggioranza, per cooptazione. 

TRIESTE. Alla fine la decisione èarrivata. Il cda di Generali ha nominato a maggioranza, per cooptazione, in conformità a quanto previsto dall'art. 28.13 dello statuto, Stefano Marsaglia amministratore della società al posto del dimissionario Francesco Gaetano Caltagirone.

Marsaglia, 67 anni, è stato nominato amministratore indipendente. Nato a Torino, vanta una lunga esperienza nell’investment banking con ruoli di primaria responsabilità in Rothschild, Barclays e Mediobanca.

È attualmente CEO di Azzurra Capital, società di private equity ed è membro dell’Advisory Board di Afiniti, multinazionale attiva nel campo dell’AI. Il Consiglio ha accertato in capo al nuovo amministratore il possesso, allo stato, dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e idoneità previsti per le imprese di assicurazioni quotate dalla normativa applicabile, dal codice di Corporate Governance nonché dalla regolamentazione interna.

 Su conforme proposta del Comitato per le Nomine e la Corporate Governance assunta all'unanimità, il consiglio ha esaminato i candidati inseriti nella lista presentata, in occasione dell'ultima assemblea degli azionisti, da VM 2006 Srl (Caltagirone), non nominati in tale occasione.

«Preso atto dell'indisponibilità di Claudio Costamagna – si legge nella nota inviata a mardine del board dalla società –, ha ritenuto, a maggioranza e con il dissenso dei consiglieri Marina Brogi e
Flavio Cattaneo, privo dei requisiti per la nomina Luciano Cirinà ed ha messo in votazione le candidature di Alberto Cribiore, Maria Varsellona, Paola Schwizer e Andrea Scrosati, per ciascuna delle quali si è registrato il voto favorevole della maggioranza del consiglio».

Tuttavia, «avendo detti candidati condizionato la loro accettazione ad un voto unanime – si legge ancora -, la nomina (come in precedenza avvenuto con la candidata Roberta Neri) non si è perfezionata».

Il consiglio ha quindi proceduto, sempre a maggioranza e con il dissenso dei consiglieri Brogi e Cattaneo, alla nomina di Stefano Marsaglia, approvata dal collegio sindacale.

nordesteconomia@gedinewsnetwork.it