Safilo, la pandemia colpisce anche l'occhiale

Il Gruppo ha realizzato nel 2020 vendite per 780,3 milioni di euro, in calo del 15,2%, ma nel quarto trimestre migliora il trend

PADOVA - Vendite per 780,3 milioni di euro, -15,2% rispetto al 2019: questo il dato delle vendite preliminari per l'esercizio 2020 di Safilo Group spa.

A comunicarlo l'azienda al termine del consiglio di amministrazione che ha esaminato i conti preliminari dell'anno che si è appena concluso.

La flessione del 15,2% è a cambi costanti mentre sale a -16,9% a cambi correnti rispetto ai 939,0 milioni di euro registrati nel 2019, a causa della forte flessione subita nel primo semestre dell’anno in seguito alle significative misure di blocco messe in atto dai governi di tutto il mondo per arginare la pandemia da Covid-19.

Nel secondo semestre dell’anno, le vendite nette di Safilo sono risultate invece in crescita del 4,5% a cambi costanti, grazie alla significativa ripresa del business registrata nel 3° trimestre e ad un aumento delle vendite messo a segno dal Gruppo anche nel 4° trimestre nonostante gli impatti negativi derivanti dalla seconda ondata pandemica.

Le vendite nette nel 4° trimestre 2020 si sono infatti attestate a 225,6 milioni di euro, in crescita del 3,0% a cambi costanti (-2,1% a cambi correnti) rispetto ai 230,4 milioni di euro dello stesso trimestre 2019, una performance positiva che è risultata ancor più significativa perché realizzata anche grazie al progressivo miglioramento del business wholesale2, che nel 4° trimestre ha ridotto il calo sull’anno precedente a un -1,6% a cambi costanti, dal -5,5% registrato nel 3° trimestre 2020.

Nel periodo, le acquisizioni di Privé Revaux e Blenders Eyewear hanno invece contribuito alle vendite del Gruppo in Nord America per un totale di 14,1 milioni di euro.

I risultati economico-finanziari del Gruppo saranno approvati dal Cda il prossimo 11 marzo.