Fedrigoni fa shopping negli Usa e mette a segno la terza acquisizione in 18 mesi

Entra nel Gruppo Acucote, sede in North Carolina, 70 milioni di dollari di fatturato e 142 dipendenti. L’azienda veronese si consolida come terzo player globale del proprio settore

VERONA. Fedrigoni completa l’acquisizione di Acucote e si rafforza negli Usa.

L’azienda veronese, leader globale nella produzione di carte speciali ad alto valore aggiunto per packaging, editoria e grafica, e di etichette e materiali autoadesivi premium, comunica di aver concluso l’acquisizione di Acucote, sede in North Carolina, che sviluppa, produce e distribuisce materiali autoadesivi, con posizione di leadership sul mercato locale, un fatturato di oltre 70 milioni di dollari e 142 dipendenti.

Acucote è stata fondata 34 anni fa da John Leath, che ne è proprietario insieme alla sua famiglia. Con uno stabilimento e quattro centri di distribuzione, l’azienda rappresenta un’ottima opportunità per Fedrigoni, intenzionata a estendere la propria presenza negli Stati Uniti, che rappresentano un mercato estremamente interessante in cui il Gruppo è già molto conosciuto e apprezzato per le etichette destinate ai vini di pregio. 

Con questa acquisizione, la terza in 18 mesi nel settore Self-Adhesives dopo l’italiana Ritrama e la messicana IP Venus, Fedrigoni rafforza ulteriormente la sua posizione di terzo player al mondo nei materiali autoadesivi, in cui opera attraverso numerosi brand come Arconvert, Manter e Ritrama.

Il Gruppo infatti è uno dei leader globali nell’etichettatura per i vini e gioca un ruolo di primo piano nelle etichette e i film autoadesivi ad alta tecnologia per il food, l’household, la logistica, il pharma, il beverage e il personal care.

Pharma, architectural graphics, retail e logistica sono, tra l’altro, segmenti in cui ha un ottimo posizionamento anche Acucote, con cui saranno dunque possibili sinergie strategiche a livello di produzione, distribuzione e approvvigionamenti.  

«L’acquisizione di Acucote rappresenta un ulteriore tassello della strategia di crescita nel settore sempre più promettente dei materiali autoadesivi, dove siamo determinati ad ampliare la nostra posizione di leader di mercato - conferma Marco Nespolo, amministratore delegato di Gruppo Fedrigoni - ed è in linea con la volontà di diversificare la nostra penetrazione geografica, rafforzandoci non soltanto negli Stati Uniti, ma anche in Centro e Sud America».

Marco Nespolo, ad di Fedrigoni

«Il nuovo ingresso nel Gruppo - aggiunge Fulvio Capussotti, Executive Vice Presidente della divisione Self-Adhesives di Fedrigoni - ci permetterà di aumentare la capacità produttiva direttamente in loco e di distribuire in tutti gli Stati Uniti, anche grazie all’integrazione con la nostra controllata GPA, di creare ottime sinergie sull’approvvigionamento e di contare su tecnologie all’avanguardia anche in termini di eco-compatibilità».

e.delgiudice@gnn.it