In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Idealservice nel 2020 incrementa utile e fatturato

Approvato il bilancio della cooperativa specializzata nei servizi ambientali e nel facility management. Ricavi a 143 milioni, +5%, Ebitda +25%. Il presidente Riboli: «Per continuare a crescere guardiamo anche ad acquisizioni»

1 minuto di lettura

UDINE. Idealservice archivia un 2020 straordinariamente complesso per un’azienda specializzata nei servizi ambientali e nel facility management, in prima fila nel contrasto al Covid.

I risultati economici sono stati ottimi, ma poco dicono rispetto «alla grande professionalità e serietà della nostra realtà e di tutti i soci e lavoratori», spiega il presidente della coop Marco Riboli.

Impegno che viene premiato con la redistribuzione di 500 mila euro dell’utile proprio ai soci. Proposta che l’assemblea ha approvato all’unanimità, insieme al bilancio 2020.

Idealservice ha realizzato un valore della produzione di quasi 143 milioni di euro, +5%, con un utile di 10,6 milioni e un Ebitda lordo in crescita del +25% rispetto all’esercizio 2019; il patrimonio sale sopra i 60 milioni e la posizione finanziaria netta è passata da -10,3 a +8,5 milioni di euro.

Segno più anche sul fronte occupazionale con 3.819 addetti a fine dicembre, +154 sul 2019, di cui 1.459 soci e 2.360 dipendenti, per il 66% sono donne.

La sede di Idealservice a Pasian di Prato (Udine)

 

Nel ’21 «l’andamento economico-finanziario si sta dimostrando positivo in linea con il 2020 - prosegue Riboli -, quindi contiamo di proseguire il percorso di crescita sviluppando nuove opportunità di lavoro sia nel settore del facility management sia in quello dei servizi ambientali».

Il presidente di Idealservice Marco Riboli

 

L’obiettivo «è salire a 200 milioni di fatturato nel triennio, una crescita che avverrà sia per linee interne, ovvero con l’aggiudicazione di nuovi appalti, sia per linee esterne, con l’acquisizione di aziende o di partecipazioni societarie». Infine «digitalizzazione e sostenibilità saranno due driver importanti nella pianificazione dello sviluppo».—

I commenti dei lettori