Mele, partita la raccolta in Fvg

La previsione è di arrivare a 153 mila quintali, in linea con gli anni scorsi. Intanto Friulfruct continua ad investire nelle strutture deputate alla conservazione

SPILIMBERGO. Al via la raccolta di mele per Friulfruct di Spilimbergo, la più grande cooperativa di melicoltori del Friuli Venezia Giulia: in leggero ritardo rispetto agli anni precedenti, a causa del maltempo primaverile, questa annata si prospetta comunque con indicatori positivi, anche grazie al progetto di ampliamento portato avanti negli ultimi tre anni dalla cooperativa, realtà sempre più solida e apprezzata anche a livello internazionale.


«Piogge e gelate primaverili - spiega il direttore di Friulfruct Armando Paoli - hanno inciso un po' sulle tempistiche, ma è una condizione che ha interessato un po' tutti i produttori europei. Le nostre mele confermano la loro qualità e anche sulla quantità, alla fine, ci si avvicinerà se non anche supererà la raccolta degli scorsi anni che era attorno ai 153 mila quintali, visto che possiamo contare ora su oltre 365 ettari coltivati».


Si parte con la raccolta delle mele Gala per poi proseguire fino ai primi giorni di novembre con le altre varietà (nell'ordine Red Delicious, Golden Delicious, Granny Smith, Fuji e Morgenduft). Novità di quest'anno la raccolta delle prime mele Inored Story, dopo l'aumento della superficie coltivata: una varietà sempre più richiesta dal mercato per la sua dolcezza e croccantezza. Una volta raccolte, le mele vengono portate nella zona industriale spilimberghese nella sede di stoccaggio e lavorazione, al centro di un progetto pluriennale di potenziamento.


«Dopo aver concluso - continua Paoli - lo scorso anno a tempo record l'ampliamento con 20 nuove celle per la conservazione delle mele con un investimento di 4,5 milioni di euro, ci stiamo ora preparando al secondo lotto di lavori da 5 milioni di euro per la riqualificazione delle celle di conservazione esistenti».


I lockdown imposti dal Covid-19 non hanno limitato la richiesta delle gustose mele friulane, anzi il contrario, visto che il maggiore canale di vendita per la cooperativa è quello della grande distribuzione, non solo in Italia ma anche nel resto dell'Europa e altrove (da citare infatti il gradimento dei Paesi Arabi e Nordafrica).

E anche la cimice asiatica sembra al momento controllabile. «Nonostante sia ancora presente - conclude Paoli - la stiamo contenendo, sperando che la lotta biologica, con la vespa samurai suo nemico naturale la cui introduzione è stata da poco permessa in regione, dia presto risultati più consolidati».

http://mailto:e.delgiudice@gnn.it