Elegante, plurale, eclettica: la donna Jil Sander nell’era di Renzo Rosso

Prima sfilata del brand fondato dalla stilista tedesca diretta da Lucie e Luke Meier e ora di proprietà del gruppo del lusso vicentino Otb

VICENZA/MILANO. Su il sipario per la prima sfilata di Jil Sander nella sua seconda vita all’interno della scuderia di Otb di Renzo Rosso. 

“Stiamo riaprendo gli occhi e possiamo godere della beatitudine di un nuovo risveglio. Per vedere chiaramente, abbiamo bisogno che le luci e i suoni intorno a noi siano morbidi, per sentirci a nostro agio e con usare con attenzione il potere e la sensibilità che abbiamo in noi. Lungi dall'essere perfetti, possiamo sempre guardare avanti, con il minor filtro possibile. Siamo plurali, notturni, e luminosi; femminile, maschile, vulnerabili e forti; e non dovremmo prenderci troppo sul serio”.

Questo è lo statement che Lucie e Luke Meier fanno ripetutamente nelle loro collezioni di Jil Sander, ogni stagione con una diversa variazione percettiva. Forme diverse eppure vissute nella loro complementarietà.

Giacche e cappotti dalle spalle forti, squadrati e maschili, si indossano su pantaloni lisci e lunghi che morbidamente ancorare la sagoma. I pantaloni color pesca pallido, verde chiaro, crema, cotone drill bianco o pelle sono indossati sotto giacche e camicie in lana italiana double face con deliziosi colli foulard. Un abito verde bouclé è elegante allo stesso tempo sartoriale e ipermoderno.

Top delicatamente drappeggiati si indossano su pantaloni robusti e sagomati. I colori, per lo più pastello e scuri, sono fondamentali, insieme a stampe e maglieria. Un motivo tigrato semplice in un iconico cappotto di velluto, le righe ingrandite dipinte a mano e i paisley, arricchiti da paillettes in un abito, sono un chiaro invito alla spensieratezza e al gioco.

Cotone e ciniglia sono lavorati insieme all'uncinetto in diversi colori vivaci a contrasto. I tessuti naturali italiani e giappones: velluto moiré, seta, carta e viscosa, cotone double face, lana double face danno forma a capi che possono essere combinati liberamente. Calzature, décolleté e stivali, bianchi e neri, alcuni arricchiti da spille.

Tra gli accessori va segnalata la nuova borsa Cannolo, cilindrica in bianco, bordeaux intenso, caramello e nero, ha un'ampia tracolla regolabile con fibbia.