Ad Andrea Illy il premio Leonardo. Nel 2021 i risultati dell’azienda di Trieste supereranno quelli ante pandemia

Andrea Illy 

«La grande transizione post Covid è anche attenzione al clima, alla digitalizzazione e  rappresenta una grande opportunità – ha detto Illy ricevendo il premio -. Noi dobbiamo andare verso una società che sia molto più rispettosa del prossimo e dell’ambiente»

TRIESTE. Ricavi nel 2021 che supereranno quelli del 2019, ante CoviD, attenzione all'internazionalizzazione, soprattutto agli Usa e alla Cina, e orizzonte Borsa nel giro di non meno di 4-5 anni.

A tracciare le prospettive di Illycaffè è il presidente Andrea Illy che oggi ha ricevuto a Roma, a Palazzo Barberini, il premio Leonardo.

«Mi è piaciuto - ha sottolineato - quello che ha detto la presidente del Comitato Leonardo, Luisa Todini, sulla sostenibilità che sostiene la ripresa. La grande transizione post Covid che è anche attenzione al clima, alla digitalizzazione rappresenta una grande opportunità. Noi dobbiamo andare verso una società che sia molto più rispettosa del prossimo e dell’ambiente».

Quanto alle prospettive del gruppo, «il fatturato nel 2020 è sceso del 14,2% a 446,5 milioni, il margine operativo lordo ha perso il 21,2% a 57,7 milioni e l’utile netto il 73% a 5 milioni. Nel 2021 supereremo i risultati del 2019» quando il fatturato si è attestato su 520,5 milioni. 

nordesteconomia@gedinewsnetwork.it