Fincantieri e Navantia insieme per realizzare le navi militari del futuro

Una fregata realizzata da Fincantieri

Intesa tra Gruppo italiano e quello spagnolo per lo sviluppo dei prossimi cacciatorpediniere e piattaforme navali che faranno parte della Forza di Difesa Europea.

TRIESTE. Intesa tra Fincantieri e gli spagnoli di Navantia per una collaborazione allargata in campo navale e marittimo.

Le due società hanno raggiunto un accordo per un Memorandum of Understanding (MoU) che sarà firmato mercoledì 3 novembre, presso lo stand Navantia alla fiera FEINDEF – Fiera Internazionale sulla Difesa e Sicurezza di Madrid, tra il direttore generale della Divisione Navi Militari di Fincantieri Giuseppe Giordo e il presidente di Navantia Ricardo Domínguez.

Le due società, entrambe riferimenti della cantieristica europea, valuteranno le opportunità legate alla Marina italiana e a quella spagnola, tra cui i progetti congiunti e la partecipazione allo sviluppo dei prossimi cacciatorpediniere e di altre piattaforme navali che faranno parte della futura Forza di Difesa Europea.

Navantia e Fincantieri stanno già collaborando sul programma European Patrol Corvette (EPC), ad oggi la più importante iniziativa navale nell’ambito del progetto europeo Permanent Structured Cooperation (PESCO), insieme con la francese Naval Group.

La fregata Spartacus di Fincantieri al momento del varo

«Siamo da tempo convinti che per tenere testa alle sfide globali del futuro abbiamo bisogno di una robusta e durevole cooperazione a livello europeo negli ambiti della difesa e della sicurezza – è la considerazione dell’Ad di Fincantieri, Giuseppe Bono – . Solo così il nostro continente potrà giocare un ruolo sempre più importante e questo accordo va in tale direzione. Siamo quindi molto soddisfatti di dare concretezza ad un disegno non più rimandabile e di costruire un percorso di collaborazione basato su programmi importanti delle due Marine».

Il presidente di Navantia, Ricardo Domínguez, ha enfatizzato «la reale opportunità di collaborazione che rappresenta questo MoU, il primo firmato tra le due aziende a questo livello e con uno scopo tanto ambizioso. Miriamo a rafforzare la difesa europea e ad accelerare la posizione dell’industria europea della difesa, e accordi come questo servono ad aprire la strada in questa direzione».

e.delgiudice@gnn.it