Apre l’Infinity Bridge di Dubai, il maxi ponte realizzato da Maeg

Ad annunciare l’apertura con una visita ufficiale all’infrastruttura è stato lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum. L’opera potrà ospitare il passaggio di 24mila veicoli l’ora in entrambe le direzioni 

Una visita dello lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e sovrano di Dubai, ha segnato la conclusione dei lavori di costruzione dell’Infinity Bridge, gigantesca infrastruttura dietro alla quale si cela il lavoro della veneta Maeg, general contractor specializzato in costruzioni in acciaio con sede a Vazzola (Treviso).

La visita del sovrano di Dubai ha coronato la conclusione dei lavori sul ponte che aprirà al traffico domenica 16 gennaio 2022. Costituito da 46 segmenti che raggiungono l’altezza di 67 metri e la lunghezza della campata di 135 metri, è composto da sei corsie per direzione e si contraddistingue per il grande arco arco architettonico a forma di simbolo dell'infinito. 

Il ponte supporta le esigenze di sviluppo e migliora il collegamento tra Deira e Bur Dubai aumentando il numero totale di corsie che attraversano il Dubai Creek da 48 a 60. Può ospitare 24.000 veicoli all'ora in entrambe le direzioni e presenta un binario combinato largo 3 metri per pedoni e ciclisti.

Il nuovo ponte fa parte del corridoio Shindagha da 5,3 miliardi di AED, un progetto strategico chiave intrapreso da RTA che consiste in 11 fasi.

Maeg ha fornito la progettazione e la posa in opera delle strutture metalliche realizzate nei propri stabilimenti veneto-friulani da dove sono usciti lavori verso ogni parte del mondo. 

nordesteconomia@gedinewsnetwork.it