In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Villa Sandi e Allegrini firmano un esclusivo wine bar al “Marco Polo”

L’alleanza tra i due storici produttori darà vita a un nuovo concept che consentirà di offrire ai viaggiatori un’esperienza immersiva nelle eccellenze vinicole venete

2 minuti di lettura

Marilisa Allegrini e Giancarlo Moretti Polegato

 

VENEZIA – Si prepara ad “atterrare”, all’Aeroporto Marco Polo di Venezia, un nuovo wine bar dove si potranno conoscere e degustare i vini di Villa Sandi e della cantina veronese Allegrini. Lo spazio celebra l’incontro tra due eccellenze del territorio veneto, il Prosecco e l’Amarone, e di due degli interpreti più rappresentativi di questi vini che si sono affermati nel mondo come ambasciatori dell’enologia italiana. La sinergia ha un obiettivo comune: raccontare e far scoprire ai viaggiatori i prodotti di una regione tra le più visitate d’Europa, che non solo è sinonimo di innovazione e sviluppo ma che si distingue per una tradizione e un saper fare radicati nel tempo.

Il wine bar è frutto di un progetto di cui Villa Sandi e Allegrini hanno posto le basi già a fine 2019. Le misure adottate per il contenimento della crisi pandemica e le limitazioni agli spostamenti hanno fortemente ridotto l’attività degli scali aeroportuali nell’ultimo biennio, frenando la nascita di questo progetto. Lo spazio avrà sede nell’area partenze dell’aeroporto, un sito che mette in connessione persone e culture diverse provenienti da Paesi più o meno lontani, favorendo tra loro occasioni di incontro e di dialogo attorno ad un calice di vino, in un’ampia e comoda zona di degustazione.

Lo scalo rappresenta la prima interazione tra i viaggiatori e Venezia, di cui costituisce una sorta di biglietto da visita. Una città riconosciuta non solo per l’atmosfera irripetibile e le bellezze mozzafiato che l’hanno resa un’icona di italianità nel mondo. Venezia rappresenta il punto di incontro tra due zone vinicole che custodiscono un patrimonio secolare di sapori, conoscenze e tecniche.

La Valpolicella e le aree più vocate per la produzione del Prosecco si trovano infatti a un’ora di viaggio dall’aeroporto veneziano, che, oltre ad essere lo scalo di riferimento per il Veneto, rappresenta il quarto in Italia per traffico di passeggeri. Il «Marco Polo» costituisce quindi la vetrina ideale per raccontare e promuovere due territori che concentrano sempre di più l’interesse dei winelovers di tutto il mondo.

«Questo spazio è il frutto di un progetto condiviso con la cantina Allegrini, e che ha l’obiettivo di promuovere un’alleanza tra eccellenze per raccontare due aree a vocazione vinicola che hanno molti elementi in comune» commenta Giancarlo Moretti Polegato, presidente di Villa Sandi. «I nostri vini nascono da due territori dalla lunga tradizione enoica e dall’identità precisa, che hanno vissuto una fase di crescita negli ultimi decenni. Uno sviluppo che si è reso possibile grazie alla costante ricerca della qualità, e al grande impegno di promozione e di racconto dei prodotti e delle tradizioni di queste terre nel mondo. L’incontro tra i visitatori internazionali e le eccellenze venete può ora ripartire grazie all’attesa ripresa del turismo, che con soddisfazione torna ad accogliere un mondo desideroso di scoprire le bellezze e i segreti di questo territorio generoso».

Per Marilisa Allegrini, Presidente dell'omonima Cantina situata a Fumane, nel cuore della Valpolicella Classica, «Il Wine Bar all'Aeroporto di Venezia firmato Allegrini e Villa Sandi testimonia non solo una sinergia tra due importanti e storiche Aziende Venete conosciute sui mercati di tutto il mondo, ma è anche un accorato messaggio di speranza. In una fase così difficile per l'umanità intera, e per l'Europa particolare, riportare il vino anche visivamente al centro dell'attenzione in un luogo così evocativo come Venezia, indica che noi crediamo fortemente in un futuro di relazioni, di scambi e di condivisione delle esperienze. Il vino è sempre stato nella storia un testimone di amicizia e di pace: questa la promessa e l'impegno di Allegrini e Villa Sandi».

nordesteconomia@gedinewsnetwork.it

I commenti dei lettori