Fincantieri: prorogato il contratto integrativo con una tantum di 350 euro

Si tratta del primo rapporto tra il versante sindacale e la nuova amministrazione del gruppo, guidata dall'ad Pierroberto Folgiero; la trattativa per il rinnovo del contratto aziendale comincerà il 27 luglio

TRIESTE. Impegno per definire il nuovo contratto aziendale di Fincantieri entro la fine dell'anno e un riconoscimento economico una tantum (oltre, chiaramente, al PdR) di 350 euro lordi uguali per tutti, erogati nel mese di settembre. È il «risultato certamente importante ed in discontinuità con il recente passato nell'ambito delle precedenti proroghe 2020 e 2021», come sostengono le segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm, di una ipotesi di accordo siglata in Uniundustria Roma, tra Fincantieri e sindacati stessi.

Un'intesa che ha riavviato la trattativa per il rinnovo dell'integrativo a partire dalla proroga per il periodo 1/7 - 31/12/22. Si tratta del primo rapporto tra il versante sindacale e la nuova amministrazione del gruppo, guidata dall'ad Pierroberto Folgiero; la trattativa per il rinnovo del contratto aziendale comincerà, invece, il 27 luglio.

Dalla prossima settimana si terranno le assemblee nei cantieri e nelle sedi per presentare e fare votare l'ipotesi ai lavoratori.Giovedì 23 giugno si è chiuso un primo confronto tra sindacati e Gruppo, dopo un incontro il 20 giugno dei Segretari generali di Fim, Fiom e Uilm con il nuovo A.D. Pierroberto Folgiero.

Le tre sigle confederali hanno definito il confronto "molto utile" per comprendere le strategie del nuovo management , che intende concentrare le attività in particolare nel core business aziendale, compiere un rafforzamento strategico, nell'ambito del settore difesa, della collaborazione con Leonardo, porre grande attenzione al settore cruise, il cui mercato, in forte sofferenza negli ultimi due anni, causa Covid, è dato in forte ripresa a partire dal 2023, e curare le relazioni sindacali con estrema attenzione a lavoratrici e lavoratori. Su questi contenuti, martedì 21 giugno si è tenuto il coordinamento sindacale unitario, che ha espresso un "iniziale apprezzamento" per la chiarezza dei punti espressa dall'AD.