Calligaris, gara a due per l’acquisto dell’arredo di design

Gli advisor pronti a presentare le proposte di un gruppo finanziario e di un fondo per la quota di controllo del Gruppo friulano oggi nelle mani di Alpha Private Equity

UDINE. Dal fitto riserbo consueto di una trattativa spunta il nome di Azzurra Capital e l’indiscrezione circa un fondo con base nel Golfo Persico, entrambi in corsa per l’acquisizione della quota di controllo del Gruppo Calligaris oggi detenuta da Alpha Private Equity.

E’ Il Sole 24 ore ad aver raccolto le indiscrezioni circa l’esito del lavoro svolto dagli advisor Mediobanca e Rothschild che avrebbero ammesso alla seconda fase della procedura alcuni soggetti finanziari.

L'headquarter di Calligaris a Manzano

Se lo stato dell’arte dell’operazione è questo, non è escluso che nelle prossime settimane l’uscita di Alpha si concretizzi, segnando per Calligaris l’inizio di una nuova fase.

Quattro anni fa Alpha Private Equity, attraverso il fondo 7, aveva raggiunto con la famiglia Calligaris un accordo per l’acquisizione di una partecipazione di controllo. E nella logica di un fondo, l’orizzonte temporale solitamente si pone entro 4/5 anni.

Stefano Rosa Uliana, ceo di Calligaris

Sotto la guida di Alpha e del ceo Stefano Rosa Uliana,  Calligaris ha proseguito un percorso di crescita, anche attraverso acquisizioni, incrementando  le proprie quote di mercato sui mercati internazionali raggiungendo nel 2021 un fatturato di 253 milioni di euro e un ebitda di 52 milioni.

e.delgiudice@gnn.it