In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Fincantieri consegna alla Marina Militare il pattugliatore “Francesco Morosini”

L’unità è la seconda di sette commissionate al gruppo navalmeccanico dalla Difesa. L’ultima sarà costruita nel 2026

1 minuto di lettura

Si è svolta presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) la consegna alla Marina Militale italiana del Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA) “Francesco Morosini”, seconda di sette unità che saranno tutte costruite da Fincantieri presso il Cantiere Integrato di Riva Trigoso e Muggiano con consegne previste fino al 2026.

I PPA rientrano nel piano di rinnovamento delle linee operative delle unità navali della Marina Militare, deciso dal Governo e dal Parlamento e avviato nel maggio 2015 sotto l’egida di OCCAR (Organizzazione per la cooperazione congiunta in materia di armamenti).

Erano presenti, tra gli altri, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Amm. di Squadra Enrico Credendino, e il Direttore Generale della Divisione Navi Militari di Fincantieri, Dario Deste.

Il pattugliatore polivalente d’altura rappresenta una tipologia di nave altamente flessibile con capacità di assolvere a molteplici compiti che vanno dal pattugliamento con capacità di soccorso in mare, alle operazioni di Protezione Civile, nonché, nella sua versione più equipaggiata, da nave combattente di prima linea. Sono infatti previste differenti configurazioni di sistema di combattimento: a partire da una “leggera”, relativa al compito di pattugliamento, integrata di capacità di autodifesa, fino ad una “completa”, equipaggiata con il massimo della capacità di difesa.

Inoltre l’unità è in grado di impiegare imbarcazioni veloci tipo RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat) sino a una lunghezza di oltre 11 metri tramite gru laterali o una rampa di alaggio situata all’estrema poppa.

La “Francesco Morosini” è lunga 143 metri, può raggiungere una velocità fino a 32 nodi in funzione della configurazione e dell’assetto operativo; può accogliere circa 135 persone di equipaggio e ha capacità alloggiative sino a 181 posti letto.

E’ dotata di un impianto di propulsione combinato diesel e turbina a gas, ovvero con motori elettrici per le basse andature.

Ha la capacità di fornire a terra acqua potabile e corrente elettrica.

e.delgiudice@gnn.it

I commenti dei lettori