In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Gruppo Snaidero, cambio al timone: Manelli si dimette, il veneto Trivillin è il nuovo Ad

Ragioni personali all’origine dell’addio di Massimo Manelli. Il nuovo amministratore delegato, Alessandro Trivillin, scelto da Dea Capital, era stato ceo del Gruppo Danieli

Elena Del Giudice
1 minuto di lettura

Lo stode di Snaidero a Dubai

 

Dopo 4 anni trascorsi alla guida operativa del Gruppo Snaidero, l’Ad Massimo Manelli ha rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico. A prenderne atto il Cda della Rino Snaidero spa che riunitosi ieri, sotto la presidenza di Edi Snaidero, ha provveduto alla nomina del sostituto. Il nuovo Ad del Gruppo è Alessandro Trivillin, e per il manager si tratta di un ritorno in Friuli Venezia Giulia, visto che aveva ricoperto il medesimo ruolo in Abs.

Massimo Manelli

 

Il Cda di Snaidero ha espresso «i più sentiti ringraziamenti a Massimo Manelli per il lavoro svolto, l'impegno e la dedizione profusi nella società fin dalla sua nomina, avvenuta nel luglio 2018», si legge nella nota diffusa dall’azienda. La scelta di Alessandro Trivillin come amministratore delegato è apparsa la più idonea, in considerazione delle esperienze pregresse, della sua professionalità e competenza che saranno messe a disposizione del percorso già intrapreso dalla società. Anche l’azionista di maggioranza ( Idea Ccr, fondo di Dea Capital) ha espresso ringraziamenti nei confronti di Manelli per quanto realizzato nel corso del mandato e ha formulato i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Ad, confermando ampio supporto e impegno nel sostenere la crescita e lo sviluppo del Gruppo Snaidero.

Alessandro Trivillin

 

Alessandro Trivillin, nato a Treviso nel 1968, è laureato in economia aziendale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. La sua ultima esperienza è stata nel Gruppo Calvi, dove ha ricoperto la carica di ceo dal febbraio 2020. Dal settembre 2016 a gennaio 2020 è stato ceo del Gruppo Danieli e precedentemente, in Acciaierie Bertoli Safau, ha prima ricoperto il ruolo di Cfo, quindi Ad.

I commenti dei lettori