In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Arvedi, a dicembre il primo coil certificato zero emissioni

Sarà il prodotto della nuova zincatura innovativa insediata a Trieste “net zero” grazie all’uso di idrogeno verde da fonti rinnovabili

1 minuto di lettura

«Oggi quella di Servola è una Ferriera modello di innovazione tecnologica e sostenibilità: Accaieria Arvedi nei suoi siti di Cremona e di Trieste vanta la prima acciaieria al mondo certificata a emissioni nette zero di anidride carbonica, oltre a essere un'acciaieria zero waste e basata sull'economia circolare».

Lo ha detto Mario Caldonazzo, Ad  di Acciaierie Arvedi in un convegno sulla conversione della Ferriera di Trieste, sottolineando l'impegno green del gruppo che ha così anticipato l'obiettivo europeo “emissioni zero” fissato per il 2050.

Caldonazzo ha annunciato che «il 20 dicembre sarà prodotto il primo coil della nuova zincatura innovativa e a zero emissioni, con uso di idrogeno verde da fonti rinnovabili» mentre la «prossima primavera partirà la nuova linea di verniciatura».

Successivamente il manager ha ricordato brevemente la chiusura della Ferriera. «Quando le istituzioni chiamano a progetto di visione diverso per lo sviluppo di un territorio del Paese, un privato segue», ha detto, sottolineando l'impegno dell'azienda nella riconversione del sito di Servola, costata al gruppo 200 milioni.

La Ferriera di Servola era stata acquisita dal gruppo nel 2016 su richiesta dello Stato: «Il cavalier Arvedi era stato chiamato a risolvere tema occupazionale e industriale della Ferriera. Lui è un uomo delle sfide, la accoglie con entusiasmo, mette anima e corpo per far ripartire la Ferriera, producendo ghisa all'interno di tutti i parametri di legge in termini di emissioni inquinanti, arrivando a 610 occupati e 300 milioni di investimento».

«Pochi anni dopo un investimento così imponente ci è stato chiesto di ripensare il modello di sviluppo di quest'area, sostanzialmente chiedendoci di chiudere la Ferriera. C'è stato dunque un impegno profondo del cavalier Arvedi per trovare un modello di industria che non inquinasse», ha concluso Caldonazzo.

e.delgiudice@gnn.it

I commenti dei lettori