In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Caro-bollette, da Italcementi bonus fino a mille euro ai dipendenti

Il premio sarà erogato il 20 dicembre con la tredicesima. L’azienda ha sedi a Marghera, San Vendemiano, Rovigo e Arzignano. L’ad Callieri: “Come azienda abbiamo deciso di promuovere una misura di sostegno straordinaria per i lavoratori e le loro famiglie”

Aggiornato alle 1 minuto di lettura
cecilia fabiano (lapresse)

Insieme alla tredicesima i dipendenti di Italcementi riceveranno un bonus straordinario per fare fronte al caro-bollette: si andrà dai 1.000 euro per chi ha una retribuzione annua lorda non superiore a 35.000 euro; 800 euro per i dipendenti con retribuzione annua lorda tra i 35.000 euro e i 50.000 euro; 500 euro per i dipendenti con retribuzione annua lorda superiore a 50.000 euro.

“Si sta concludendo un anno segnato da continue tensioni interne e internazionali, durante il quale tutti siamo stati e siamo tutt’ora chiamati ad affrontare sfide impegnative», spiega in una lettera ai dipendenti l’Amministratore Delegato di Italcementi, Roberto Callieri, “mi riferisco, in particolare, alla corsa dei costi energetici, alle incertezze del contesto internazionale, alla speranza quasi del tutto svanita di una forte ripresa dopo la pandemia, i cui effetti e impatti, peraltro, stiamo registrando anche nell’anno in corso. Inflazione e caro-bollette sono espressioni ormai entrate nei nostri discorsi quotidiani e come Azienda abbiamo deciso di promuovere una misura di sostegno straordinaria”.

A nordest Italcementi è presente a Marghera, San Vendemiano, Rovigo e Arzignano. L’iniziativa interessa complessivamente circa 1.700 dipendenti, distribuiti in 10 cementerie, quattro centri di macinazione, 122 impianti di produzione di calcestruzzo e in diverse sedi su tutto il territorio nazionale.

I commenti dei lettori