In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Lezioni di risparmio e psicologi, premiato il meglio del welfare aziendale

Tre aziende del nordest citate come migliori esempi dal Rapporto Welfare Index Pmi 2022 presentato da Generali: in Veneto 17 imprese hanno ottenuto il rating di Welfare Champion; in Friuli Venezia Giulia sono state quattro

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

L'edizione 2022 del Welfare Index Pmi organizzato da Generali

 (ansa)

Oltre il 68% delle Pmi italiane ha superato il livello base di welfare aziendale e raddoppia il numero di quelle con livello molto alto, passando dal 10,3% del 2016 al 24,7% del 2022. E' quanto emerge dal Rapporto Welfare Index Pmi 2022 di Generali. Più nello specifico il 70,7% delle aziende con oltre 250 addetti presenta un livello elevato di welfare (64,1% nel 2017); nelle aziende tra 101 e 250 addetti la quota si attesta al 66,8% (59,5% nel 2017). Raddoppiano poi le microimprese (da 6 a 9 addetti) con un livello elevato di welfare, passando dal 7,7% del 2017 al 15,1% del 2022.

Nel dettaglio in Veneto 17 imprese hanno ottenuto il rating di Welfare Champion; in Friuli Venezia Giulia sono state quattro.

E tra i migliori esempi di welfare aziendale sono citate tre aziende nordestine.

L’azienda che insegna come risparmiare in bolletta.

Fondato nel 1985 lo Studio Zanon opera da più di 30 anni a Dolo, in provincia di Venezia, nell’ambito della consulenza legale e della consulenza del lavoro e ha dato vita a un piano di welfare aziendale chiamato “Welfare Therapy” con l’obiettivo di incentivare alcune buone prassi, come la tutela ambientale o attività di prevenzione sanitaria. Nel particolare contesto di crisi energetica, l'azienda ha aiutato le famiglie dei dipendenti a migliorare la gestione dei consumi nelle loro case e allo stesso tempo ha fornito gli strumenti per valutare la possibilità di adottare soluzioni più green.

All’interno del piano di welfare, lo studio ha infatti deciso di prevedere una consulenza gratuita per i propri dipendenti al fine di favorire un effettivo risparmio sui costi delle utenze domestiche con l'eventuale adozione di sistemi di autoproduzione di energia. Il progetto di welfare inoltre include iniziative che puntano alla prevenzione in ambito sanitario: è previsto anche un intervento a sostegno delle attività di prevenzione e attività formative volte a una migliore consapevolezza delle buone pratiche sanitarie.

La piattaforma welfare per lo sviluppo sostenibile del territorio

Progesto nasce nel 2018 come società di ingegneria e diventa Società Benefit nel 2020. L'azienda, con sede a Thiene in provincia di Vicenza, è composta da ingegneri e tecnici specializzati in materia di sicurezza, macchine e impianti industriali con lo scopo di aiutare le imprese ad immettere nel mercato prodotti conformi alle normative vigenti, prevenendo eventuali infortuni o problematiche di vario tipo. 

Tra le iniziative di welfare, Progesto ha istituito una piattaforma dedicata dove ogni dipendente ha un plafond a disposizione in modo da dare ai dipendenti massima libertà di scelta.

La piattaforma è stata creata da una società benefit dando spazio in parte ai grandi erogatori di servizi (acquisti on-line, catene di negozi presenti su tutto il territorio) e lasciando lo spazio ai piccoli esercenti di paese che normalmente rimarrebbero esclusi, proprio per aiutare la microeconomia territoriale e consentire ai dipendenti di usufruire dei servizi locali.

La piattaforma consente l’erogazione di servizi di vario tipo (spese scolastiche, acquisto di beni, carburante, spese mediche, viaggi, corsi di vario tipo, musei, teatri, ecc.) anche per i familiari. È possibile inoltre destinare il premio aziendale a un fondo pensione oppure destinarlo in beneficenza. Tutto questo viene gestito direttamente dal dipendente, con tutela della sua privacy e in completa autonomia. Ad aprile 2022 è nata la Progesto Academy che si occupa di erogare formazione tecnica nei vari ambiti trattati dall’azienda.

Lo Psicologo aziendale per il benessere dei dipendenti

La Cooperativa sociale Dopo di Noi, con sede a Udine, è nata nel 2001 per iniziativa di due donne, e oggi offre un ampio spettro di servizi: inserimento lavorativo di persone svantaggiate, progetti educativi, progetti socio-sanitari e assistenziali. La principale attività rimane l'inserimento lavorativo di ragazzi con disabilità, assieme a servizi per l'assistenza alla persona e progetti di agricoltura sociale.

Tra le iniziative più apprezzate da collaboratori e collaboratici c'è sicuramente la flessibilità degli orari lavorativi, in modo particolare nei confronti dei dipendenti che hanno famiglia, per gestire anche la vita privata. Inoltre la cooperativa offre ai dipendenti con figli il servizio di baby sitting gratuito e la partecipazione ai centri estivi della Cooperativa.

Ai collaboratori è offerta la possibilità di parlare con gli psicologi della cooperativa con l'obiettivo di prevenire eventuali crolli lavorativi, visto che si lavora con ragazzi che hanno fragilità anche importanti. Il servizio di supporto psicologico all’interno dell’azienda ha il compito di dare supporto ai dipendenti per mantenere o ristabilire il benessere individuale, che immancabilmente si riflette poi sull’intera organizzazione.

I commenti dei lettori