In evidenza
Sezioni
Quotidiani GNN

Bouvard Italia, Pierluigi Tosato è il nuovo ceo

Già Ceo di Continental Bakeries, Deoleo e San Benedetto, Tosato è stato l’anno scorso tra i coordinatori di un'operazione di successo per Goldman Sachs. «Onorato per il nuovo incarico»

Aggiornato 1 minuto di lettura

Pierluigi Tosato

 

Pierluigi Tosato, manager veronese di lungo corso che vanta un curriculum d'eccellenza su scala nazionale e internazionale, gestirà le attività in Italia di Bouvard, blasonato gruppo con base in Francia che da oltre 30 anni propone una gamma di biscotti bio, combinando la tradizione con l'innovazione e la sostenibilità.

Tosato ha assunto l'incarico in Bouvard Italia (con sede a Fagagna), Forneria Gusparo (con sede a Coseano) e Lago (con sede a Galliera Veneta) il 24 gennaio.

Il manager, che ha lavorato in Italia, Germania, Spagna, Francia, Olanda, Svezia, Cina e Stati Uniti, ha espresso la sua soddisfazione per questa nuova tappa. «Sono davvero onorato che Bouvard mi abbia scelto – ha commentato –, metterò la mia esperienza nel settore dell'industria alimentare al servizio dei progetti in Italia di questo gruppo di straordinario valore».

Tosato vanta più di 25 anni di esperienza nel mercato internazionale come CEO e membro del consiglio di amministrazione di aziende come Deoleo SA (marchi Bertolli, Carapelli, Sasso,Carbonell, Friol, Maya), Acqua Minerale San Benedetto e gruppo Bolton Food (Rio Mare). Nel 2022 è stato tra i protagonisti di un'importante operazione avvenuta a livello europeo: l'accordo per la vendita, annunciata da parte del management di Goldman Sachs, di Continental Bakeries a Biscuit International, società del portafoglio Platinum Equity. Tosato, inoltre, ha pubblicato il volume “Samurai Manager. La montagna inaccessibile” (Guerini Next editore), di recente ridato alle stampe. Un concentrato di “imprenditorialità etica”, con note introduttive di Chicco Testa, Giorgio Nardone e Carlo Ratto, che ripercorre le tappe salienti della sua vita personale e professionale, delineando la figura del "manager samurai”.

e.delgiudice@gnn.it

I commenti dei lettori