I sindacati in Trentino: la Provincia conceda il bonus Covid alle agenzie di pulizia

La mobilitazione: «La pandemia ha reso il loro lavoro preziosissimo, però le loro condizioni sempre pessime, tanto che da sette anni sono in attesa di un contratto che non arriva»

TRENTO.  Filcams, Fisascat e Uiltrasporti del Trentino chiedono che la Provincia autonoma di Trento si faccia carico del bonus Covid-19 per i lavoratori dei settore di pulizia e sanificazione, il cui contratto di lavoro è bloccato da sette anni. I sindacati - riporta una nota - hanno convocato per mercoledì 7 ottobre (ore 10.30), tutti i delegati e le delegate per discutere della situazione e decidere quali azioni intraprendere.

La riunione si svolgerà contemporaneamente su tutto il territorio nazionale, e sono previsti dei collegamenti in video conferenza. Una delegazione di lavoratrici di tutte e tre sigle parteciperà in presenza in sala Gabardi, presso la sede della Cgil del Trentino.

«La pandemia ha reso il loro lavoro preziosissimo, però le loro condizioni sempre pessime, tanto che da sette anni sono in attesa di un contratto che non arriva. I lavoratori sono spesso vittime di appalti al massimo ribasso che tagliano il costo del lavoro peggiorando le loro condizioni di lavoro. È indispensabile che le nuove regole mettano nero su bianco il mantenimento delle stesse condizioni contrattuali e retributive», affermano le segreterie Paola Bassetti, Francesca Delai (Filcams), Francesca Vespa (Fisascat) e Antonella Didu (Uiltrasporti).