Nascita di startup innovative online il Veneto è la terza regione in Italia

È quanto emerge dal Rapporto trimestrale di monitoraggio pubblicato dal Mise, in collaborazione con Unioncamere e InfoCamere

PADOVA. Continua la crescita delle startup innovative costituite online anche nel terzo trimestre dell’anno. Al 30 settembre scorso sono infatti 3.422 le startup avviate grazie a una modalità di costituzione digitale e gratuita. È quanto emerge dal Rapporto trimestrale di monitoraggio pubblicato dal Mise, in collaborazione con Unioncamere e InfoCamere.

La nuova modalità è diffusa sull’intero territorio nazionale, ma ha una forte presenza in tre regioni – Lombardia (27,1%), Lazio (11, 1%) e Veneto (11%) – che ospitano insieme quasi il 50% di tutte le startup costituite online. La prima regione per utilizzo della modalità digitale rimane ancora la Lombardia, che consolida la sua posizione di vertice con 928 startup costituite online, oltre un quarto del totale nazionale (27,1%). In seconda e terza posizione si collocano Lazio (380) e Veneto (377).

Passando al livello provinciale, Milano si conferma l’area più fertile per le startup innovative con 581 imprese avviate online (17% del totale nazionale). In seconda posizione c’è Roma (334 startup innovative create online, quasi il 10% sul totale). A grande distanza completano la top 5 Padova con 110, Verona con 102 e Bergamo con 99.

Grazie a questa nuova misura, operativa da luglio 2016, gli imprenditori innovativi italiani possono costituire la propria startup secondo una modalità interamente digitalizzata, con il supporto tecnico della propria Camera di commercio o in totale autonomia. Ciò permette l’esenzione dall’atto notarile e consente un risparmio medio sui costi d’avvio stimato in circa 2mila euro.

Nella durata delle pratiche si riscontrano variazioni significative a livello territoriale. Il tempo medio d’attesa tra la costituzione e l’iscrizione dell’azienda nella sezione speciale del registro delle imprese dedicata alle startup innovative richiede una verifica dei requisiti da parte della Camera di commercio competente. In media una startup innovativa costituita online attende 38 giorni per ottenere l’iscrizione nella sezione speciale, mentre nell’ultimo anno i tempi di attesa medi si sono ridotti a 28 giorni.

Ed infine il tasso d’adozione: la modalità online è stata scelta dal 38 % delle startup in Italia nell’ultimo anno, e da oltre il 40% per quelle costituite nel terzo trimestre 2020 (42, 3%). In Basilicata, Sardegna e Calabria più del 50% delle startup innovative ha optato per la modalità online. Compaiono invece nella parte bassa della graduatoria Valle d’Aosta, Emilia-Romagna, Abruzzo, Marche e Umbria. —