Alibaba, accordo con le imprese venete dell'agricoltura e della meccanica

In Veneto sono partiti nel 2020 i progetti di CIA Agricoltori Italiani e Confartigianato Imprese Vicenza. CIA ha siglato in autunno un accordo esclusivo per la promozione dell’agroalimentare italiano sui mercati internazionali. Il food & beverage è il primo settore sulla piattaforma, con il 12% dei click sul vino e il 7% sulla pasta

L’export on line italiano B2B vale 11 volte quello B2C: 132 miliardi di euro a fronte di 11,8 miliardi. E la più grande piattaforma internazionale di e-commerce B2B è la cinese Alibaba.com, con 150 milioni di utenti registrati, 26 milioni di buyers attivi e centinaia di migliaia di aziende esportatrici in 190 paesi. Un marketplace con oltre 300.000 richieste di prodotti al giorno in 40 settori.

Alibaba non applica provvigioni sul venduto, bensì un costo fisso per lo spazio espositivo come una fiera internazionale permanente, aperta 24 ore su 24. E in ambito Alibaba in Veneto sono partiti nel 2020 i progetti di CIA Agricoltori Italiani e Confartigianato Imprese Vicenza. CIA ha siglato in autunno un accordo esclusivo per la promozione dell’agroalimentare italiano sui mercati internazionali. Il food & beverage è il primo settore sulla piattaforma, con il 12% dei click sul vino e il 7% sulla pasta.

L’intesa, a cui hanno già mostrato interesse oltre 40 aziende agricole venete, prevede una collaborazione di un anno anche attraverso il global service partner Adiacent certificato da Alibaba con servizi di creazione di materiale pubblicitario e informativo, commercializzazione di prodotti e fornitori sulla vetrina Padiglione Italia del portale, partecipazione a eventi e attività promozionali on line tramite canali social o media, consulenza di marketing e comunicazione.

“L’obiettivo è ampliare le opportunità per le nostre aziende, soprattutto in questo momento difficile che ci spinge a trovare nuove prospettive di crescita”, dichiara Giuseppe Facchin, presidente di CIA Treviso. “Le piccole e medie aziende del settore primario racchiudono un grande valore aggiunto che ha bisogno solo di esplorare nuovi canali per raccontarsi e raggiungere così nuovi potenziali buyer internazionali”.

Da giugno è operativo l’accordo tra Alibaba e DIH - Digital Innovation Hub di Confartigianato Imprese Vicenza, unico Server Partner Certificato per il Veneto. Uno dei pochi in Italia selezionati da Alibaba, che ne ha curato la formazione del personale in ambito e-commerce, il DIH di Confartigianato Vicenza è un laboratorio di innovazione digitale per imprese artigiane e PMI accreditato dall’Unione Europea come Digital Innovation Hub ‘fully operative’.

Un team di 15 persone specializzato in intelligenza artificiale, robotica/automazione, cyber security ed e-commerce. Ad oggi sono 80 le imprese venete supportate dal DIH di Confartigianato Vicenza, soprattutto nei settori alimentare, abbigliamento e artigianato artistico (gioielleria), con servizi che le accompagnano sul marketplace. Quindi non solo attivazione in 15 giorni secondo gli standard Alibaba, ma anche assistenza continuativa con un team dedicato di customer care internazionale, gestione dei preventivi, attività finalizzate a mantenere elevate performance sul web, statistiche di vendita per consulenza basata su esperienza storica, analisi dei trend topic di mercato.

I buyers sono innanzitutto in Nord America, in India e nei principali paesi europei (Regno Unito, Francia, Spagna, Germania, Italia), non solo per i prodotti finiti ma anche per componentistica, servizi di lavorazione conto terzi e macchinari. “In Germania i macchinari sono i prodotti più esposti”, osserva il responsabile del DIH Matteo Pisanu, “e in questo ambito Alibaba è in grado di creare esperienze di realtà virtuale per la visita di stabilimenti e la visione di processi di lavorazione e impianti”.

Quindi nel 2021 Confartigianato promuoverà le opportunità del B2B on line tra le aziende della filiera della meccanica strumentale. “Il salto di qualità sarà rendere consapevoli le imprese che queste piattaforme sono importanti per lo sviluppo di settori come meccanica di precisione, macchine agricole e macchinari in generale”, dichiara Gianluca Cavion, presidente di Confartigianato Imprese Vicenza. “Settori dove in Italia ancora non ci si aspetta di trovare sbocchi di mercato attraverso questo tipo di canali”.