Il futuro di Aeroporti di Roma: saremo il primo scalo a decollo verticale d’Europa

Gli scali romani controllati da Atlantia, holding di infastrutture di cui è azionista di riferimento Edizione dei Benetton, e Volocopter ha dichiarato di voler esportare a livello internazionale questa nuova tecnologia di trasporto, a partire dagli aeroporti di Nizza, Cannes e Saint Tropez, di cui è sempre socio di riferimento

ROMA. A Fiumicino si lavora per la realizzazione del primo vertiporto (struttura per il decollo verticale) in Europa. "Miriamo ad arrivare pronti al 2024 per fare il primo vertiporto in Europa", spiega Marco Pellegrino, responsabile operatività Airside di Aeroporti di Roma (Gruppo Atlantia), interpellato dall'ANSA in occasione di una delle presentazioni di 'VoloCity', il taxi aereo elettrico realizzato dalla società tedesca Volocopter, esposto fino a domani a Piazza San Silvestro, in centro a Roma.

"Lavoriamo per il volo commerciale del primo velivolo elettrico con decollo verticale per il trasporto dei passeggeri dalla città all'aeroporto, che costituisce un nuovo modello di spostamento urbano", spiega Pellegrino, aggiungendo che si lavora anche per realizzare l'infrastruttura, i vertiporti a decollo verticale, e su questo Fiumicino vuole riuscirci per primo nel 2024, anche se anche altri ci stanno lavorando, a partire da Parigi che proprio quell'anno ospiterà le Olimpiadi.

"Deve però cambiare la normativa e per questo stiamo lavorando molto con Enac, Enav ed Easa", aggiunge. Il decollo del nuovo veicolo è atteso entro i prossimi 3 anni e permetterà di collegare il centro di Roma con l'aeroporto in circa 15 minuti: all'inizio potrà trasportare due persone con il pilota, ma successivamente si punta a velivoli senza pilota per aumentare la capacità. "Non sarà un servizio d'elite", precisa Pellegrino: "all'inizio il costo è di 140 euro, ma successivamente potrebbe diminuire avvicinandosi a quello di un limousine taxi". Atlantia, azionista di Adr e Volocopter, ha dichiarato di voler esportare a livello internazionale questa nuova tecnologia di trasporto, a partire dagli aeroporti di Nizza, Cannes e Saint Tropez, di cui è sempre socio di riferimento.